Estrogeni e sbalzi d’umore

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su estrogeni e sbalzi d’umore
Buongiorno dott. Ho 50 anni. Sono prossima alla menopausa e temo profondamente gli sbalzi ormonali a cui andrò a breve incontro. Mi spiego meglio. Sin da ragazzina ho sempre avuto un ciclo irregolare (frequente ed abbondante); a 30 anni mi si è sviluppata un’acne nodulocistica grave; a 35 con la prima gravidanza finalmente il ciclo è diventato normale ed è proseguito come tale anche dopo la seconda gravidanza avuta a 40 anni. Fin lì il mio tono dell’umore è sempre stato normale, fatto salvo un periodo di depressione (post-partum, ma tardivo, dopo la prima gravidanza, quando sono tornata al lavoro) che ho dovuto curare con dei farmaci antidepressivi.

sbalzi umore e ormoni

A 43 anni ho cominciato ad avere degli improvvisi attacchi di rabbia, anche verbalmente violenti, incontenibili, da fare paura a me stessa. Inizialmente ho pensato fosse un po di stress, ma poi mi sono resa conto che questi si verificavano immediatamente prima del ciclo, da 24 a 3 ore prima! Ho subìto ciò per almeno un anno, poi con integratori di agnocasto la cosa si è risolta (o forse è passata da sola). Il mio tono dell’umore è rimasto comunque instabile: non ho più attacchi improvvisi di rabbia, ma malessere emotivo generale, voglia di piangere, nervosismo, senso di incomprensione e solitudine, alternati a periodi buoni: quelli buoni sono quelli in cui arriva il ciclo! Tre anni fa il ciclo mi è saltato per un mese e poi ha fatto un po di bizze (era un periodo di stress estremo), ma da un anno è stabile e preciso come non mai (benché frequente, ogni 20 gg ed abbondante). Ora …so che è tutto normale, ma ho il terrore che con il crollo degli estrogeni (attualmente i miei dosaggi ormonali non evidenziano nulla, sono normali come in una trentenne) io possa andare incontro a sbalzi umorali in negativo , che mi faranno vedere nero per il resto della mia vita. Che posso fare già da ora? Oppure posso sperare che una volta raggiunta la menopausa la situazione sarà più serena? Che a provocare le negatività siano gli estrogeni?

 

 

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema ormoni e sbalzi d’umore

 

Risponde la D.ssa Paola De Stefanis specialista in endocrinologia. Svolge prevalentemente attività clinica a Roma dove effettua accertamenti e visite endocrinologiche e dietologiche. Attualmente collabora con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, per l’attività di tirocinio teorico-pratico a studenti e neo-laureati. La dott. De Stefanis è Autrice del libro “La tiroide e le sue patologie” (Giacomo Catalani Editore).
Per contatti diretti ed appuntamenti visitate il sito  www.endocrinologiaonline.com

 

 

Salve,
certamente gli sbalzi ormonali che accompagnano la menopausa, possono provocare alterazioni, anche molto importanti, del tono dell’umore. E lo fanno con certezza, se lei si convince che lo faranno, e vive questo periodo della vita con terrore. Si dovrebbe procedere così: anzitutto, fare dei dosaggi ormonali, per capire come sta, se la menopausa sta davvero iniziando. Se dovesse essere così, o quando sarà, se avrà molti disturbi, prendere in considerazione, se non ci sono controindicazioni, una terapia ormonale sostitutiva (TOS). In aggiunta, sempre dopo attenta valutazione, potrebbe essere utile anche un percorso psicologico che l’aiuto ad accettare questa fase di cambiamento della vita, a volte, difficile. In sostanza, le consiglio di vedere un endocrinologo o un ginecologo, fare gli esami ormonali e partire da lì. Cordiali Saluti Dott. Paola De Stefanis

 

 

Leggi anche:

Terapia Ormonale Sostitutiva in menopausa, rischi e benefici …

Come perdere peso, dimagrire anche in pre menopausa

 

Se avete altre domande da porre ai nostri esperti compilate il form ed inviate la vostra richiesta: “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock