Morbo di Basedow, tiroidectomia totale o radioiodio-terapia?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Morbo di Basedow
Salve, ho quasi 23 anni, sono alta 1,53 m e peso 52 kg, da circa 3 anni sono affetta da morbo di Basedow su base autoimmune. Sono stata in terapia con Tapazole fino a un mese e mezzo fa. Appena ho scoperto questa patologia mi sono subito rivolta ad un endocrinologo amico di famiglia che però manteneva molto bassa la dose di Tapazole da renderlo quasi inutile dato che il mio TSH era sempre bassissimo. Così, dopo due anni, mi sono rivolta ad un altro specialista che subito ha aumentato la dose del farmaco e lo ha associato ad Inderal per abbassare la frequenza del battito cardiaco. Dopo un anno di terapia che sembrava funzionasse egregiamente, stavo benissimo e le analisi erano perfette, il professore che mi segue decide di sospendere Tapazole e vedere cosa succede. Dopo 40 giorni il TSH torna bassissimo e FT3 ed FT4 si alzano nuovamente. Insieme quindi decidiamo di risolvere definitivamente il problema. In conclusione il mio dubbio è tiroidectomia totale o radioiodio-terapia? Io sarei propensa alla soluzione chirurgica soprattutto perchè essendo una studentessa di Medicina devo effettuare dei tirocini e non saprei per quanto tempo dovrei astenermi dopo la radioiodio-terapia ed anche per il fatto che con la chirurgia sarei sicurissima di aver risolto il problema, inoltre mi hanno detto che dopo la iodioterapia dovrei assumere il cortisone per circa due mesi per evitare danni alla vista. Un’altra paura è quella di ingrassare a dismisura dopo l’asportazione della tiroide. Lei cosa mi consiglia, quale strada devo intraprendere? Ingrasserò molto dopo la terapia definitiva? Mi scuso per la lunghezza della spiegazione, ma volevo essere chiara ed esaustiva. Grazie mille dell’attenzione, spero di non averLa annoiata con le mia ansie. Cordiali saluti.”

Morbo di Basedow, tiroidectomia totale o radioiodio-terapia

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Morbo di Basedow

Risponde la D.ssa Paola De Stefanis specialista in endocrinologia. Svolge prevalentemente attività clinica a Roma dove effettua accertamenti e visite endocrinologiche e dietologiche. Attualmente collabora con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, per l’attività di tirocinio teorico-pratico a studenti e neo-laureati. La dott. De Stefanis è Autrice del libro “La tiroide e le sue patologie” (Giacomo Catalani Editore).
Per contatti diretti ed appuntamenti visitate il sito www.endocrinologiaonline.com

 

Buongiorno,
Le strade da intraprendere sono pressappoco equivalenti. Nelle persone anziane e con molte patologie , si preferisce il radioiodio per via dell’alto rischio chirurgico. Mi sembra che non sia il suo caso. Personalmente preferisco la chirurgia, ma è una scelta che deve fare lei ascoltando il consiglio dell’endocrinologo che la segue. Quanto alla paura d’ingrassare a dismisura, la freno subito. Una volta trovato il dosaggio ottimale della terapia sostitutiva, sarà come avere la sua tiroide.
Cordiali Saluti
Paola De Stefanis

 

 

Leggi anche:

Morbo di Basedow-Graves | MedicinaLive

 

Per altri vostri quesiti  compilate il form ed inviate la vostra richiesta: “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Photo | Thinkstock