Salute bambini: non rientra nei programmi politici?

 
Cinzia Iannaccio
16 febbraio 2013
Commenta

salute bambini programmi politici

La salute dei bambini non sembra rientrare nei programmi dei candidati alle prossime elezioni. Avete finora ascoltato o letto un’ipotesi legislativa concreta al riguardo? Eppure i bimbi solo il nostro futuro, il loro benessere dovrebbe essere una delle priorità di una Nazione civile, di una Repubblica moderna, di una Democrazia degna di questo nome. Le elezioni si avvicinano (il prossimo 24 e 25 febbraio), ma non si parla di tematiche legate alla tutela della maternità e dell’infanzia. E’ per tale motivo che la FIMP (Federazione Italiana Medici pediatri) ha tracciato una bella lista delle priorità, delle “cose da fare” per tutelare il futuro dei bimbi e dunque del nostro Paese. Ecco quindi 7 piccole regole che i nostri candidati dovrebbero ben tener presenti.

  • 1. Una riforma delle convenzioni con il SSN: va predisposta quanto prima per garantire a tutti i bambini l’adeguato sostegno alla salute e al benessere psicofisico: ci si riferisce in particolare al miglioramento assistenziale dei piccoli pazienti affetti da patologie croniche, alla presa in carico totale delle fasce deboli e degli adolescenti) ed alle modificate esigenze delle famiglie.
  • 2. Necessario l’incentivo alla nascita di una nuova “rete di studi pediatrici”, strutture innovative che riescano a garantire l’adeguata assistenza pediatrica e funzionalità alla luce del riassetto generale delle cure primarie.
  • 3. Si ritiene importante l’innalzamento della fascia pediatrica dagli attuali 0 – 14 anni ai 0 – 16 anni: per arrivare fino alla fine dell’adolescenza, garantendo una “continuità di relazione e assistenza che comprenda anche le crescenti dinamiche di disagio giovanile (rischio uso sostanze stupefacenti, disturbi alimentari, disagio comportamentale, ecc.)”.
  •  4. Favorire l’aumento del numero dei pediatri (scuola di specializzazione) per garantire una maggiore presenza sul territorio e quindi un inferiore spesa sanitaria generale.
  • 5. Promuovere la ricerca scientifica allo sviluppo di farmaci specifici per i bambini e ragazzi under 12: da 30 anni non si ha un nuovo farmaco pediatrico e gli esistenti sono comunque pochi. Di base i medicinali destinati all’infanzia sono quelli degli adulti con dosaggi dimezzati, ma è un errore grossolano e pericoloso. I farmaci prima della registrazione andrebbero verificati in termini di sicurezza ed efficacia anche sui bambini. Così come sta avvenendo per la medicina di genere ed i medicinali al femminile.
  • 6. Allo stesso modo è fondamentale istituire un Prontuario Farmaceutico per l’infanzia, strumento necessario nelle mani dei pediatri per prescrivere medicinali ai bambini, che tenga conto della compliance e dei possibili effetti collaterali su organismi ancora non immunologicamente maturi.
  • 7. Qualificare il 118 e l’intera area dell’urgenza-emergenza anche per l’assistenza pediatrica, inserito in un contesto di revisione organizzativa della medicina del territorio.

Fonte: FIMP

Foto: Thinkstock

 

Articoli Correlati
YARPP
Tutela della salute psicofisica dei bambini: “Regaliamo futuro”

Tutela della salute psicofisica dei bambini: “Regaliamo futuro”

“Regaliamo futuro” ai nostri figli. E’ una frase forte, impegnativa, quasi utopica di questi tempi in cui la disoccupazione giovanile è alle stelle e la crisi economica costringe, come abbiamo […]

Farmaci generici non utilizzati sui bambini

Farmaci generici non utilizzati sui bambini

I pediatri italiani non usano i farmaci generici equivalenti sui bambini. O almeno quasi la metà di loro non lo fa. Sono i dati emersi da uno studio presentato all’ultimo […]

Bambini, il No degli esperti al pediatra solo fino a 6 anni

Bambini, il No degli esperti al pediatra solo fino a 6 anni

Nella bozza di riordino delle cure primarie in vista del prossimo Patto per la Salute è stata avanzata la proposta di ridimensionare da 0 a 6 anni l’assistenza pediatrica. Ed […]

La salute dei bambini, quando il pericolo è a tavola

La salute dei bambini, quando il pericolo è a tavola

La storia della mela avvelenata di Biancaneve, rischia di valicare i confini della favola e di diventare realtà. E’ proprio la Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp) a metterci in guardia […]

Bambini: non è la tv che fa male, ma solo determinati programmi

Bambini: non è la tv che fa male, ma solo determinati programmi

Partendo dal presupposto che esagerare in qualsiasi attività fa sempre male, possiamo affermare che guardare un po’ di tv non nuoce alla salute dei bambini. Alcuni programmi però potrebbero fargli […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento