leonardo.it

Raschiamento uterino, perché si fà (indicazioni) e cosa accade dopo

 
Cinzia Iannaccio
6 marzo 2012
3 commenti

raschiamento uterino perché si fa indicazioni cosa accade dopoVi abbiamo già parlato ieri di come e perché si effettua un raschiamento uterino dopo un aborto spontaneo. In realtà questa procedura chirurgica, a noi essenzialmente nota per tale eventualità terapeutica, ha anche altre indicazioni. E’ importante inoltre capire cosa accade all’organismo femminile dopo un raschiamento. Cerchiamo di comprendere insieme, il tutto.

Il raschiamento diagnostico

Si può procedere al raschiamento (o D&C, Dilatazione e Curettage) per avere  la diagnosi di alcune patologie, in presenza di sintomi non specifici. E’ il caso delle perdite di sangue continue di cui non si trova causa, o quello di un sospetto polipo nella cavità uterina, se non peggio, nel dubbio di un tumore all’utero, o nel caso in cui si ipotizzi una tubercolosi genitale.

Il raschiamento terapeutico

Il raschiamento però può avere anche scopi terapeutici: quando per l’appunto si è evidenziata un’alterazione della mucosa uterina, ad esempio un polipo, e va tolto, in caso di iperplasia endometriale, o come già spiegato, in seguito ad un aborto (spontaneo o volontario) con lo scopo di pulire la cavità uterina da residui di placenta o fetali.

Cosa accade dopo un raschiamento?

La maggior parte delle donne rimane in ospedale il tempo di una giornata, per effettuare il raschiamento, o al massimo 24-36 ore. Spetta al medico ginecologo stabilire se c’è necessità di una degenza più lunga che comunque non supera mai i tre giorni. E’ poi necessaria una terapia antibiotica preventiva, oltre alla somministrazione di alcuni farmaci come l’ibuprofene per contrastare il dolore post operatorio: crampi essenzialmente, come quelli del ciclo mestruale. Entro 24 ore si può comunque tornare alle normali attività, anche se vanno evitate quelle più pesanti e dopo una settimana anche al lavoro. Il sanguinamento può durare invece anche una quindicina di giorni. Vanno evitati, almeno per lo stesso periodo, sia le lavande vaginali che i rapporti sessuali (il ginecologo a seconda dei casi potrà dare informazioni personalizzate). Lo stesso vale per i tamponi vaginali.  Il ciclo mestruale tornerà normale dopo 2-6 settimane, ma sempre il medico specialista potrebbe consigliare per qualche periodo, l’utilizzo di un anticoncezionale. Un raschiamento non preclude la possibilità di una gravidanza subito dopo (quindi, amiche di Medicinalive siate tranquille in questo senso). Non rimangono cicatrici visibili.

Sintomi preoccupanti dopo un raschiamento

Il raschiamento è un intervento chirurgico a tutti gli effetti e può dunque avere delle complicanze spiacevoli, seppur rare. Ecco quali sintomi devono indurre le donne a chiamare il proprio ginecologo, dopo un intervento di D&C:

  • Vertigini e/o svenimenti
  • Sanguinamento e dolori addominali che si protraggono per più di 2 settimane
  • Sanguinamento tra una mestruazione e l’altra o flusso troppo abbondante ( il parametro di riferimento è il riempimento di un assorbente intero in meno di un ora)
  • Dolore addominale molto forte
  • Febbre alta
  • Cattivo odore intimo
Articoli Correlati
YARPP
Gravidanza dopo aborto spontaneo, quanto attendere?

Gravidanza dopo aborto spontaneo, quanto attendere?

Dopo un aborto spontaneo, evento di per se stesso molto stressante dal punto di vista emotivo, pensare ad una nuova gravidanza diventa difficile. C’è ansia e confusione su ciò che […]

Raschiamento uterino dopo aborto spontaneo, cos’è e come avviene

Raschiamento uterino dopo aborto spontaneo, cos’è e come avviene

Cos’è un raschiamento? Quando avviene un aborto spontaneo, può essere necessario intervenire in qualche modo per prevenire emorragie e/o infezioni. Se stiamo parlando delle primissime fasi della gravidanza, sarà l’organismo […]

Fumo: perchè le donne ricadono nel vizio dopo la gravidanza

Fumo: perchè le donne ricadono nel vizio dopo la gravidanza

Fumare fa male già in condizioni normali, figuriamoci nel caso di donne in gravidanza. Le statistiche ci raccontano che nel momento nel quale rimangono incinte, almeno il 45% delle donne […]

I giovani ed il desiderio di sentirsi più adulti: perchè accade

I giovani ed il desiderio di sentirsi più adulti: perchè accade

Lo notiamo ogni giorno per le strade, oggi più di qualche anno fa. Lo sperimentiamo all’interno delle nostre famiglie: i giovani ed in particolare i giovanissimi tra i 12  ed […]

Ecco cosa accade nel cervello di un tossicodipendente

Ecco cosa accade nel cervello di un tossicodipendente

Alcune parti del cervello sono coinvolte nel controllo delle emozioni e dei comportamenti, e mostrano diversi livelli di attività nei consumatori di cocaina rispetto al normale quando entrambi i gruppi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1cristina

    vorrei sapere io o abortito qualche mese fa nello stesso giorno mi sono mesa la spirale iud dopo un po di tempo mi e iniziato il ciclo sembrava normela il primo giorno invece il secondo giorno mie iniziata l”emoragia sonno andata al pronto socorso mi hano fatto il raschiamento non tanto riuscito remanend dei picoli quaguli dentro sono arrivata a casa dopo mi e venuto il ciclo e finito e adesso cio ancora delle perdite marone sembra sangue vechio che cosa mi consigliate di fare?grazie

    19 dic 2013, 14:53 Rispondi|Quota
  • #2Michela

    Buona sera…volevo sapere se dopo un raschiamento e possibile andare in bagno per fare pipi e trovarsi il feto?
    Per favore rispondetemi.
    Grazie.

    22 feb 2014, 23:52 Rispondi|Quota
    • #3Cinzia Iannaccio

      no, perché con il raschiamento l’utero viene pulito, serve a quello. Non sono un medico ma purtroppo l’ho fatto.

      7 mar 2014, 15:19 Rispondi|Quota