leonardo.it

Malattie autoimmuni, aiuto da erba cinese

 
Valentina Cervelli
14 febbraio 2012
1 commento

artrite reumatoideMalattie autoimmuni: tra di loro figurano delle patologie come l’artrite reumatoide, il lupus. Tutti “disturbi” davvero complessi da affrontare perché quasi mai impossibili da guarire del tutto. Spesso e volentieri combatterli significa solo evitare il progredire della malattia e fornire sostegno contro il dolore cronico che li caratterizza. Ora da una pianta cinese potrebbe arrivare un valido aiuto.

Si parla nello specifico di una pianta cinese dalla quale, da oltre duemila anni si ricava un estratto che cura la malaria e che ora, potrebbe trovare altrettanta efficacia nell’approcciare le malattie autoimmuni. L’estratto di questa pianta è conosciuto sotto il nome di Chang Shang e viene ricavato da un particolare tipo di ortensia presente in Tibet ed in Nepal.

Prima di questa scoperta, alcuni studiosi avevano già focalizzato la loro attenzione su questo vegetale, suggerendo che un composto derivato da “un ingrediente bioattivo dell’estratto”, l’alofuginone (Hf), poteva essere utile per trattare questo tipo di malattie. Gli scienziati della Harvard School of Dental Medicine hanno perfezionato la ricerca, scoprendo definitivamente i “segreti” nascosti della pianta a livello molecolare.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista di settore Nature Chemical Biology ed illustra come l’alofuginone sopra citato sia in grado di innescare una risposta capace di “bloccare” una classe pericolosa di cellule immunitarie, dal nome Th17 coinvolte in molte malattie autoimmune. Spiega il ricercatore Malcolm Withman, tra gli autori:

L’Hf previene la risposta autoimmune senza danneggiare la normale attività immunitaria. Il potrebbe ispirare nuovi approcci terapeutici per una varietà di malattie autoimmuni.

Conclude  Tracy Keller, tra i coordinatori:

Questo studio è un esempio interessante per capire come il meccanismo molecolare dietro una pratica della medicina erboristica tradizionale cinese possa portare a nuove intuizioni sui meccanismi umani di regolazione fisiologica e a nuovi approcci nei trattamenti delle malattie.

Partendo da questo principio attivo, anche se ci vorrà del tempo, sarà possibile mettere a punto delle terapie funzionali e funzionanti.

Articoli Correlati:

Malattie autoimmuni, la scheda

Malattie autoimmuni, combatterle con una mela

Fonte: Nature Chemical Biology

Articoli Correlati
YARPP
Mal di denti, un aiuto da un’erba amazzonica

Mal di denti, un aiuto da un’erba amazzonica

Contro il mal di denti esiste un’erba amazzonica che allevia il dolore anche se solo masticata. E’ conosciuta con il nome di Acmella oleracea, meglio nota come Crescione di Para, […]

Malattie cardiovascolari: un aiuto dalla rosa canina

Malattie cardiovascolari: un aiuto dalla rosa canina

Quello delle malattie cardiovascolari è un problema decisamente sentito dalla popolazione. Scarsa attività fisica ed una alimentazione sbagliata possono portare ad una loro manifestazione. Ora una ricerca pubblicata sulla rivista […]

Malattie autoimmuni: combatterle con… una mela?

Malattie autoimmuni: combatterle con… una mela?

Una mela al giorno toglie il medico di torno. Un detto che rischia davvero di dire la verità se messo in relazione con la comparsa di diverse malattie autoimmuni  in […]

Malattie reumatiche autoimmuni: l’importanza dei registri dei malati

Malattie reumatiche autoimmuni: l’importanza dei registri dei malati

Quando si parla di malattie reumatiche autoimmuni sono diversi i fattori del quale tenere conto. Soprattutto se si parla di condizioni di vita. Perché ciò che talvolta viene presentato dalle […]

Parkinson, un aiuto dalla medicina cinese

Parkinson, un aiuto dalla medicina cinese

Secondo una ricerca condotta di recente dalla Hong Kong Baptist University, un mix di erbe officinali composto da radici, corteccia e Gou Teng, sarebbe un valido trattamento contro il morbo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Sandro Pretolani

    Incredibile,sono un Medico Veterinario che opera da anni nel settore avicolo – l’alofuginone è stato usato per anni in avicoltura come principio attivo coccidiostatico,per combattere cioè la coccidiosi, una delle più gravi malattie intestinali avicole,causata da protozoi chiamati coccidi…….non sapevo assolutamente che derivasse da un’antica erba cinese.

    14 feb 2012, 21:26 Rispondi|Quota