Cos’è il diabete di tipo 1 (o giovanile)?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Che cosa è il diabete di tipo 1 (noto anche come diabete giovanile)? Con questo termine si indica una condizione medica che solitamente inizia nell’infanzia, anche se può manifestarsi per la prima volta anche in età adulta (30-40 anni). Tale patologia è caratterizzata da una scarsa produzione di insulina da parte del pancreas. Poiché il compito dell’insulina è quello di aiutare a convertire gli zuccheri in energia, una sua carenza provoca un accumulo eccessivo di questo nel sangue con conseguente pericolo. Per tale motivo chi è affatto da diabete di tipo 1 deve assumere insulina a vita. Ecco cosa occorre sapere al riguardo.

 

diabete tipo 1 giovanile cosa è

Sintomi di diabete di tipo 1

  • Sete (è il sintomo più rilevante)
  • Disidratazione se non si compensa la sete
  • Perdita di peso nonostante aumento di appetito
  • Disturbi della pelle (per lo più infezioni batteriche e fungine)
  • Chetoacidosi o più specificatamente chetoacidosi diabetica (va considerata come emergenza medica da trattare rapidamente. I suoi sintomi sono: pelle secca, visone offuscata, sete e diuresi eccessive, sonnolenza, alito dall’odore stranamente fruttato, respirazione accelerata, mal di pancia e vomito, stato confusionale)

In genere quest’ultimo sintomo si manifesta quando il diabete non è trattato. Tra gli altri rischi in tal senso si trovano:

 

  • Visione sfuocata
  • Intorpidimento o formicolio alle estremità (soprattutto i piedi)
  • Perdita di coscienza
  • Stanchezza
  • Secchezza delle fauci
  • Coma diabetico

Ipoglicemia

Cercando di contrastare gli eccessi di zucchero nel sangue, magari con un dosaggio errato di insulina si può andare incontro ad ipoglicemia, ovvero ad una diminuzione rapida ed eccessiva di glucosio. Anche questa va considerata come un’emergenza medica.

 

 

Leggi anche:

Diabete mellito tipo 1 e 2: sintomi iniziali, cause e dieta

Diabete di tipo 1 e sport, la storia di Monica

Diabete di tipo 1, immunoterapia efficace?

 

Foto: Thinkstock