Adenocarcinoma gastrico, l’oncologo risponde

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su adenocarcinoma gastrico
A mio figlio trentotenne e’ stato diagnosticato con difficoltà in tumore gastrico a livello del cardias. I sintomi erano aspecifici e simili a quelli di una comune gastrite. Si è ricoverato solo quando ha cominciato ad avere forti dolori alla schiena con piastrine molto basse per interessamento del midollo e delle ossa della colonna. Attualmente ha iniziato chemioterapia a basso dosaggio per aumentare via via in base alla risposta dell’organismo. Siamo disperati non ci hanno dato speranze. Può la cura rallentare la malattia visto che non sono interessati altri organi?”

adenocarcinoma gastrico

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema adenocarcinoma gastrico

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile signora, si tratta purtroppo di una condizione clinica assai delicata.
Obiettivo delle cure deve essere quantomeno senza dubbio il farlo stare il meglio possibile, il più a lungo possibile.
Oltre un trattamento in chemioterapia valuterei una integrazione con un trattamento radiante locoregionale, ipertermia capacitiva profonda oncologica, immunomodulazione mediante fitoterapici.
Cari saluti ed un grande in bocca al lupo per tutto
Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina

Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock