Calcemia alta dopo tumore

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su calcemia alta dopo tumore
“Salve dottore,mia madre esattamente due anni fa è stata operata di cancro al seno. Da allora ha fatto la radioterapia e poi ha subito iniziato l’ormonoterapia che dovrá seguire per 7 anni. Mia madre prende letrozolo ogni giorno e fa l’iniezione di enantone ogni tre mesi, inoltre assume ogni settimana la vitamina d. A distanza di due anni dall’ operazione sta rifacendo tutti i controlli e a dispetto di gennaio 2017 dove i valori di calcemia erano nella norma ora sono pari a 11,4 non rientrando così nei valori massimi di 10,4. Mi sento molto allarmata sopratutto per una possibile metastasi ossea,dato che c’è un pregresso di cancro al seno. Volevo sapere se il problema è serio o ci possono essere altre cause. Grazie. Cordiali saluti”.

calcemia alta dopo tumore

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Calcemia alta dopo tumore

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Utente, innanzitutto occorre escludere che vi sia un coinvolgimento osseo di malattia. Suggerirei di eseguire una scintigrafia ossea, o, ancor meglio, se è da tempo che non viene eseguita, una TC total body con mdc e finestra ossea. Cari saluti Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

Per altri consulti visita la nostra pagina specifica: “Chiedi all’esperto: Consulti online su Medicinalive

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

Foto: Thinkstock