Ipertermia per carcinosi peritoneale

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Ipertermia per carcinosi peritoneale 
Mia madre che ha 70 anni a fine maggio è stata ricoverata per una gastrectomia , ma durante la laparoscopia é stata riscontrata una carcinosi peritoneale . A questo punto hanno eseguito una gastroenteroanastomosi.le hanno dato un massimo di 6 mesi di vita….nn possiamo arrenderci, cosa possiamo fare? Ho sentito parlare di ipertermia, potrebbe farla? Grazie per il suo tempo.”

 

ipertermia per carcinosi peritoneale

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Cancro stomaco: Ipertermia per carcinosi peritoneale

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Utente, si tratta purtroppo di una condizione patologica seria. Si potrebbe impostare un trattamento combinato di chemioterapia ed ipertermia capacitiva profonda a Rf (vedi per maggiori informazioni portale web www.ipertermiaitalia.it). L’ipertermia in oncologia e’ un coadiuvante sinergico rispetto ad un trattamento principale in chemioterapia che deve essere scelto sulla base della patologia oncologica e della condizione generale nonché degli esami ematochimici della Paziente . Il tutto allo scopo di farla stare il meglio possibile , il più a lungo possibile . Cari saluti ed un grande in bocca al lupo.

 

Leggi anche:

 

Per altri vostri quesiti  compilate il form ed inviate la vostra richiesta: “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.