leonardo.it

Melanoma: terapia personalizzata la migliore per guarigione

 
Valentina Cervelli
12 febbraio 2012
Commenta

cure personalizzateBuone novità in merito al melanoma, uno dei più diffusi tumori della pelle che colpiscono l’uomo. Esiste infatti, secondo il prof. Paolo Ascierto,  presidente della Fondazione Melanoma, dell’Unità di Oncologia Medica e Terapie Innovative dell’Istituto Pascale di Napoli, una cura che anche nella fase avanzata della patologia è in grado di essere efficace in pochi giorni.

Motivazione per la quale è necessario abbreviare i tempi attraverso i quali il malato possa approcciarsi alle nuove terapie messe a punto per il melanoma. E’ una concezione comune di molti esperti e non solo per ciò che riguarda questo particolare tumore della pelle. Una richiesta in tal senso verrà presentata il prossimo aprile da parte di una delegazione di pazienti e dalla fondazione sopracitata al Parlamento Europeo di Bruxelles.  Anche in Italia i numeri sono di una certa caratura. Parliamo di 7mila nuove diagnosi ogni anno e circa 1500 decssi.

Sottolinea il prof Ascierto:

Oggi assistiamo a una svolta nel trattamento . Nel 50% dei casi di melanoma è presente la mutazione di una proteina, il gene BRAF V600, che svolge un ruolo chiave nello sviluppo del tumore. Vemurafenib è la prima ed unica molecola personalizzata ad aver mostrato di migliorare la sopravvivenza in pazienti affetti da melanoma metastatico positivo alla mutazione del gene BRAF.

Quest’ultima agisce in modo mirato e personalizzato sulla proteina tumorale disattivandola e bloccando di fatto la crescita del cancro. Il problema consta nella necessità di effettuare la presenza della mutazione del gene.

Continua il luminare:

Gli effetti della molecola sono visibili in pochi giorni e il paziente ne trae un beneficio immediato: gli esami mostrano infatti una regressione tumorale dal punto di vista metabolico.

La richiesta della fondazione è quella di far si che anche in Italia sia il più possibile accelerato l’accesso al medicinale, in modo tale da rendere tempestivo l’approccio al melanoma e dare più speranze di guarigione ai pazienti.

Articoli Correlati:

Melanoma, la scheda

Oncovex: il vaccino antimelanoma

Fondazione Melanoma

Categorie: Oncologia
Tags:
Articoli Correlati
YARPP
Abbronzatura “mordi e fuggi” aumenta il rischio di melanoma

Abbronzatura “mordi e fuggi” aumenta il rischio di melanoma

Attenzione all’abbronzatura “mordi e fuggi”, le scorpacciate di sole, magari concentrate nell’arco di 2 giorni del fine settimana, rappresentano un rischio per i tumori della pelle, di cui il melanoma […]

Oncovex, il vaccino anti-melanoma

Oncovex, il vaccino anti-melanoma

Dalla Gran Bretagna arriva una notizia destinata a risollevare le sorti dei tanti pazienti ammalati di melanoma, anche quelli che si trovano in uno stadio più avanzato della malattia. Le […]

Il melanoma è meno frequente ma più aggressivo nei neri e negli ispanici

Il melanoma è meno frequente ma più aggressivo nei neri e negli ispanici

Le diagnosi mediche sul melanoma, il cancro della pelle, sono molto più frequenti nelle persone bianche rispetto agli ispanici e ai neri. Il problema è che in queste due razze […]

Individuato il peggior fattore di melanoma per le donne

Individuato il peggior fattore di melanoma per le donne

Dei ricercatori newyorkesi hanno probabilmente trovato il più potente fattore di rischio per il melanoma, più delle già note vesciche da scottature, lentiggini o casi in famiglia di cancro mortale […]

Melanoma, nuove speranze dal blocco dei geni

Melanoma, nuove speranze dal blocco dei geni

Il melanoma è uno tra i più diffusi tumori della pelle. Soltanto in Italia questo tipo di cancro fa registrare circa 7/8 mila nuovi casi ogni anno. Nuove speranze per […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento