Rame 64 per terapia oncologica

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Rame 64 come terapia oncologica
Salve dottore, mio padre ha il cancro alla prostata e da qualche giorno, in seguito ad alcune analisi, abbiamo scoperto che ha un inizio di metastasi alla schiena e alle costole. Ho sentito parlare della terapia “rame 64″ che permette di bloccare la crescita del tumore. Sa darmi qualche informazione a riguardo? Il suo oncologo ci ha detto di provarla,anche se a suo avviso non c’ é molto altro da fare e si é limitato a somministrargli una buona terapia del dolore..”

rame 64 terapia oncologica

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema:  Tumore alla prostata con inizio di metastasi e terapia con Rame 64

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile signoraa, la terapia con il rame radiante si basa sulla osservazione che alcune neoplasie posseggono recettori adatti a legarlo verificati con esame PET eseguiti appunto con il Rame 64 come radiofarmaco. Molto esperto in merito è il Collega Dott. Valentini (http://www.acompet.it/chi-siamo/).
Se la neoplasia prostatica comunque presenta, per quanto leggo, un iniziale coinvolgimento scheletrico esistono anche altri approcci terapeutici più tradizionali esplorabili (condizione generale ed esami ematochimici permettendo)
Cari saluti
Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina

Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock