Osteofibroma calcifico al femore, ortopedico risponde

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Salve, mi è stato diagnosticato un osteofibroma calcifico al femore destro, in prossimità del ginocchio, per via di disturbi diffusi al ginocchio e bruciori fastidiosi alla parte anteriore dell’arto. Mi dicono di non preoccuparmi e, in attesa di potermi sottoporre ad una visita ortopedica, ho dovuto purtroppo sospendere qualsiasi attività fisica (frequentemente frequentavo una sala fitness). Dalla paura di non sapere la natura del mio male adesso sono nel panico perchè non posso più avere una attività fisica normale per via del problema al ginocchio e alla parte anteriore della gamba: non potrò più avere una vita sportiva? Dovrò cambiare genere di allenamento o diversa disciplina? Grazie per l’attenzione, lieta sera.

 

osteofibroma calcifico femore

 

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema Osteofibroma calcifico
Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

 

 

Egr.Sig.ra l’osteofibroma è benigno,  a volte è un reperto occasionale che si riscontra facendo delle radiografie per altri motivi.Le consiglio di farsi vedere da un ortopedico ed eventualmente di completare l’iter diagnostico con una TC.    Saluti F.Bizzarri

 

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

Fibroma osseo al femore, ortopedico risponde

Fibroma osteoarticolare ginocchio: tempi di recupero dopo intervento
Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie: Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

Foto: Thinkstock