leonardo.it

Ecco perché l’influenza ci “istupidisce”

 
Valentina Cervelli
6 maggio 2012
Commenta

ecco perché influenza istupidisceQuando veniamo colpiti dal virus dell’influenza, il nostro organismo è costretto a combattere per ristabilire una condizione di benessere. Spesso, sia durante che in seguito a quest’affezione, ci sentiamo come istupiditi. I ricercatori dell’Università di Portland hanno scoperto che tutto ciò deriva dall’attivazione di un certo tipo di neuroni.

Ovviamente anche la febbre ed il raffreddore compiono il loro “dovere”, ma in buona parte il merito di questo nostro stato alterato deve essere dato, come è stato rilevato attraverso le immagini ottenute tramite risonanza magnetica, a queste particolari cellule cerebrali contenute nell’ipotalamo ed in parte dell’amigdala che si attivano quando veniamo colpiti da un virus per convogliare maggiori energie verso il nostro sistema immunitario.

Questi neuroni, chiamati “ipocretinergici”, fanno in modo tale che la “forza” che noi impiegheremmo per condurre della normale attività fisica, venga inviata a quella parte del nostro corpo che lotta contro l’agente patogeno che ci sta causando malessere, portandoci quindi, attraverso la spossatezza, a limitare al massimo la nostra attività e azzerando la voglia di fare qualsiasi cosa.

Secondo i ricercatori statunitensi questo meccanismo non entrerebbe in vigore solo in caso di virus influenzale, ma anche in concomitanza di qualsiasi malattia acuta o cronica. E’ un “modus operandi” che il nostro organismo ha migliorato nel corso dell’evoluzione e che mira alla sopravvivenza dello stesso. Queste particolari cellule cerebrali sono state scoperte nell’ambito di uno studio sulla narcolessia cataplettica, una rara forma d’ipersonnia, che causa il crollo istantaneo della persona a terra per via dell’addormentamento improvviso.

E’ stato proprio grazie alla scoperta di questi neuroni regolati da una neuroproteina, l’ipocretina, che è stato possibile iniziare a mettere a punto dei farmaci contro l’insonnia e la narcolessia adeguati. Ed è stato proprio partendo da questo passaggio, che si è riusciti a collegare questa nostra “spossatezza” relativa alla malattia alle cellule cerebrali ipocretinergiche ed alla loro politica di “risparmio” attuata in situazioni di difesa.

Articoli Correlati:

Sistema immunitario in salute: la regola dello 0-5-30

Neuroni, scoperto meccanismo per crearli?

Fonte: Journal of Neuroscience

Articoli Correlati
YARPP
Il contagio da tubercolosi ci spaventa, ecco perché

Il contagio da tubercolosi ci spaventa, ecco perché

La tubercolosi conosciuta anche come tisi o tbc, ci spaventa molto. E’ una malattia che in Italia avevamo quasi dimenticato o che ritenevamo relegata ad ambienti igienico-sanitari particolarmente degradati. In […]

Melatonina: ecco a cosa serve e perché è importante

Melatonina: ecco a cosa serve e perché è importante

La melatonina è un ormone che aiuta a regolare il sonno, ma sembra anche in grado di influenzare alcuni degli altri ormoni del corpo. E’ diventata “famosa” negli ultimi anni […]

Agopuntura, ecco perché funziona

Agopuntura, ecco perché funziona

Agopuntura: perché funziona? Su questo punto la ricerca si interroga da anni e oggi sembra essere arrivata a scoprire da cosa derivino le proprietà terapeutiche degli aghi. Dietro l’efficacia dell’agopuntura […]

Arrabbiarsi fa male alla salute: ecco svelati i perchè

Arrabbiarsi fa male alla salute: ecco svelati i perchè

Una ricerca di neurologia dimostra che saper tenere a bada la rabbia ci fa stare meglio. E rende il nostro corpo 4 volte più veloce quando si tratta di far […]

I videogiochi piacciono più agli uomini che alle donne. Ecco perchè

I videogiochi piacciono più agli uomini che alle donne. Ecco perchè

Sebbene sia una credenza piuttosto diffusa tra gli uomini che le donne non amano i videogiochi perchè non sono in grado di capirli, una ricerca della prestigiosa Università statunitense di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento