Stodal sciroppo omeopatico: posologia nei bambini e in gravidanza

 
Tippi
26 febbraio 2013
Commenta

stodal sciroppo Stodal sciroppo omeopatico: posologia nei bambini e in gravidanza

Lo Stodal sciroppo è un prodotto omeopatico della Boiron indicato per la tosse secca e grassa, ed è ideale per tutta la famiglia, anche per i bambini. Come tutti i preparati omeopatici, infatti, non comporta effetti collaterali grazie all’estrema diluizione dei principi attivi. Vediamo insieme le indicazioni terapeutiche e le dosi consigliate.

Stodal sciroppo omeopatico: posologia nei bambini

Lo Stodal sciroppo contiene nella sua formula una selezione di rimedi omeopatici utili per il trattamento sintomatico della tosse secca e produttiva come Bryonia, Drosera, Antimonium, Spongia tosta, ecc. Viene prescritto spesso a bambini in ogni fase della tosse e in presenza di raffreddore e problemi respiratori derivanti da raffreddamento in quanto è privo di effetti indesiderati e può essere assunto anche in concomitanza con altre terapie farmacologiche.

Per quanto riguarda il dosaggio, Stodal sciroppo è indicato per i bambini a partire dai 2 anni di età, nella misura di 1 cucchiaino da caffè 3-5 volte al giorno. Se la tosse persiste più di 7 giorni è necessario consultare il medico o un farmacista.

Stodal sciroppo omeopatico: posologia in gravidanza

Stodal sciroppo omeopatico può essere assunto anche durante la gravidanza e l’allattamento. In base alle esperienze fatte finora, infatti, non sono noti rischi per il bambino se il farmaco viene utilizzato in modo appropriato. In ogni caso è preferibile chiedere consiglio al proprio medico o al farmacista. Per gli adulti il dosaggio è di 1 cucchiaio da minestra 3-5 volte al giorno.

Stodal sciroppo omeopatico: controindicazioni

Lo sciroppo non deve essere usato in caso di ipersensibilità ad uno dei suoi eccipienti (in particolare al conservante E210) o di difficoltà respiratorie (ad esempio accessi acuti d’asma bronchiale). L’utilizzo appropriato del farmaco non ha provocato sinora nessun effetto secondario comprovato. L’assunzione dei medicinali omeopatici può aggravare momentaneamente i disturbi, se l’effetto dovesse persistere è necessario interromperne l’assunzione e informare il proprio medico.

Photo Credit| Laboratoires Boiron

Lista Commenti