Pelle irritata, connettivite e dolori articolari, malattia autoimmune?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Pelle irritata, connettivite e dolori articolari, malattia autoimmune? 
Buongiorno sono una ragazza di 36anni (premetto celiaca e con tiroidectomia totale per gozzo). Scrivo per una serie di malesseri a cui non riesco a dare un nome. Tutto è iniziato circa 2 anni fa con un’eruzione cutanea di notevole entità che interessava il viso,  il decolté, la schiena,  gomiti, braccia: la mia pelle era come se fosse bruciata. Ho deciso di farmi vedere da un dermatologo: mi disse che si trattava di dermatite attinica poi di prurigo simplex. Nel frattempo io notavo una vera e propria intolleranza al sole,  peggioravo sempre più. Per i dolori correlati contattai un reumatologo il quale mi fece una diagnosi di fibromialgia. Ho subito iniziato a prendere tutti i farmaci prescritti, senza vedere alcuna miglioria quanto piuttosto un peggioramento della pelle del viso. Così mi sono rivolta ad un dermatologo presso un ospedale che mi ha fatto una diagnosi di LES (Lupus Eritematoso Sistemico ndr)confermata da una biopsia ed altri esami. Questi con i risultati:

Ana positivo 1:160 speckled C3 85 (90-180) Anti-dsDNA (eia) 68,50 (0-200); Presenza di componente monoclonale in gamma e altre cose alterate tipo creatinina albumina (di poco alterati). Tornata dal reumatologo- visti i test- mi ha cambiato terapia iniziando il plaquenil ed il medrol. La pelle è migliorata, ma non i dolori ed il formicolio alle articolazioni e alla bocca (…..), sensibilità agli occhi per il sole ed ipercheratosi vaginale. Ho chiesto un altro consulto reumatologico che dopo avermi fatto ripetere gli esami ( ANA in aumento 1:320 C3 42 (80-152) C4 14 (16-38) Ldh 260 (20-248) Test di schimmer positivo 3 formula leucocitaria inversa……) mi ha aumentato il dosaggio dei farmaci precedenti. Mi ha parlato di possibile Les di sjogren di connettivite indifferenziata, di continuare la cura, aggiungendo lacrime artificiali per il disturbo agli occhi. La pelle a tutt’oggi è molto migliorata ma non il resto. Mi ritrovo anche spesso degli ematomi. (….).Vorrei un consiglio: lei cosa ne pensa?  Grazie.”

 

Specializzazione Reumatologia
Tipo di Problema : Pelle irritata, connettivite e dolori articolari, malattia autoimmune?

Risponde il Prof. Flavio Fantini, Docente di Reumatologia dell’Università di Milano, Primario Emerito di Reumatologia dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano.
Specialista anche in Cardiologia e Medicina Interna, per lungo tempo è stato Primario Reumatologo e Direttore del Dipartimento di Reumatologia e delle Specialità Cliniche di Supporto presso l’Istituto Ortopedico Gaetano Pini nonché Ordinario di Reumatologia e Direttore della Scuola di Specializzazione in Reumatologia presso l’Università di Milano, mantenendo ancora oggi con queste Istituzioni rapporti di collaborazione. Attualmente mantiene l’incarico di Consigliere nel Direttivo dell’Associazione Lombarda dei Malati Reumatici (ALOMAR).

Esercita in Milano l’attività libero-professionale. Per contatti diretti o appuntamenti visitate il blog personale che il Prof. Fantini gestisce www.ilreumatologorisponde.com .

 

Gentile Sig.na Silvia,
il quadro che descrive è certamente quello di una connettivite sistemica, non avendo tutti gli elementi, tenuto poi conto della celiachia e dell’ipotiroidismo, è difficile dire se si tratti di un LES , di un Sjogren o di una sindrome overlap, inoltre complicata da una fibromialgia secondaria (molto frequente in queste malattie). Sicuramente nel suo caso sono indicati plaquenil e cortisone a basse dosi, per altre terapie è indispensabile una più approfondita conoscenza della situazione clinica.
Cordiali saluti.
Prof. Fantini

 

Leggi anche:

Lupus Eritematoso Sistemico (LES), tutti i sintomi | MedicinaLive

 

 

Per altri vostri quesiti  compilate il form ed inviate la vostra richiesta: “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock