ACTIFED Pfizer (Triprolidina cloridato, Pseudoefedrina)

RINAZINA, GlaxoSmithKline

CATEGORIA: Farmaci decongestionanti ed antistaminici

FORMA FARMACEUTICA: Compresse, sciroppo

PRINCIPI ATTIVI: Triprolidina cloridato, Pseudoefedrina

INDICAZIONI: Indicato per la decongestione delle vie respiratorie superiori in caso di riniti e faringiti acute catarrali, di riniti allergiche, di sinusiti acute. Il trattamento non va proseguito per oltre una settimana. Nel caso in cui non si dovessero verificare miglioramenti si consiglia di sospendere l’assunzione e di richiedere il consulto del Medico.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità verso i componenti o altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico ed altri prodotti antistaminici. Per i suoi effetti anticolinergici non assumere in caso di malattie cardiache ed ipertensione arteriosa gravi, glaucoma, ipertiroidismo. Non somministrare ai bambini di età inferiore ai 6 anni. Non somministrare durante e nelle due settimane successive a terapia con farmaci antidepressivi per evitare la possibilità di interazioni. L’uso di Actifed è sconsigliato in presenza di affezioni delle basse vie respiratorie, tra cui l’ asma bronchiale. Possono verificarsi effetti collaterali come sonnolenza,  astenia, vertigini, eruzioni cutanee subase allergica, fotosensibilizzazione, secchezza della fauci, ritenzione urinaria, ispessimento delle secrezioni bronchiali, disturbi gastroenterici come nausea, vomito e diarrea, riducibili somministrando il prodotto dopo i pasti, eccitazione del Sistema Nervoso Centrale, specie nei bambini, accompagnate da insonnia, euforia e tremori. Non somministrare in gravidanza ed allattamento se non previa autorizzazione del medico.

NOTE: L’allergia è una disfunzione del sistema immunitario caratterizzata da reazioni eccessive causate da particolari anticorpi (detti reagineIgE) quando l’organismo entra in contatto con sostanze normalmente innocue, definite appunto allergeni, come ad esempio i pollini, la polvere o i peli degli animali. Le prime forme furono studiate già nel 1906 da due pediatri viennesi, Clemens von Pirquet e Béla Schick. Più tardi, nel 1963, Philip Gell e Robin Coombs identificarono 4 gradi di manifestazioni allergiche. La risposta del sistema immunitario viene anche definita “anafilassi”: a seconda del livello di severità, può causare reazioni cutanee, broncocostrizione, edema, shock anafilattico con seguenteipotensione, coma e, come estrema conseguenza, morte.

Altri farmaci simili: Vicks Sinex, Neosynefrine, Otrivin, Reactine, Rinazina

[Fonti principali: AAVV, Paginesanitarie.com; AAVV, Collettivamente.com;]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.