AVONEX Biogen-Dompè (Interferone beta-1a)

AVONEX, Biogen-Dompè

CATEGORIA: Sostanze ad azione immunodepressiva

FORMA FARMACEUTICA: Polvere e solvente per soluzione iniettabile. Il flaconcino contiene una compressa di polvere di colore da bianco a biancastro.

PRINCIPI ATTIVI: Interferone beta-1a

INDICAZIONI: Indicato per il trattamento dei pazienti con diagnosi di sclerosi multipla recidivante (SM).
Ovverom i casi in cui, secondo gli studi clinici, vi sono state due o più esacerbazioni acute (recidive) nei tre anni precedenti senza evidenza di una continua progressione tra le recidive. Avonex rallenta la progressione della disabilità e diminuisce la frequenza delle recidive; E’ impiegato anche nei pazienti con un singolo evento demielinizzante e con un processo infiammatorio in fase attiva, se tale evento è di gravità tale da rendere necessario il trattamento con corticosteroidi per via endovenosa, se sono state escluse altre diagnosi e se è stato accertato che i pazienti sono ad alto rischio di sviluppare una sclerosi multipla clinicamente definita. Avonex non è invece adatto per i pazienti che sviluppano SM progressiva. Il trattamento deve essere iniziato sotto la supervisione di un medico esperto nel trattamento della malattia e non deve essere superata la dose di 60mg giornalieri.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità  all’interferone beta naturale o ricombinante, all’albumina umana o a qualunque eccipiente. Avonex non deve essere somministrato in pazienti che soffrono di depressione grave e/o ideazione suicidaria in atto perchè potrebbe incrementare tali disturbi. E’ infatti noto che la depressione e l’ideazione suicidaria sono condizioni che si verificano con una maggiore frequenza nei pazienti affetti da sclerosi multipla ed in associazione all’uso dell’interferone. Gli effetti collaterali maggiormente riscontrati sono stati quelli simil-influenzali come dolori muscolari, febbre, brividi, sudorazione, astenia, mal di testa e nausea. Tali sintomi sono comunque transitori e tendono a scomparire con il trattamento. Possono invece manifestarsi sintomi neurologici transitori, che possono sembrare simili ad un’esacerbazione della SM e sono stati riscontrati anche  alcuni episodi transitori di ipertonia e/o severa debolezza muscolare che impediscono movimenti volontari. Non somministrare ai bambini e adolescenti. Non utilizzare in gravidanza e durante l’allattamento.

NOTE: Gli interferoni (IFN) sono una classe di proteine prodotte dalle cellule del sistema immunitario (globuli bianchi, fibroblasti) in risposta all’attacco di agenti esterni come virus, batteri, parassiti e cellule tumorali. Diverse sono le classi di appartenenza, alfa (α) e beta (β) (Tipo I), e gamma (γ) (Tipo II). Avonex si basa sull’interferone di tipo alfa, che comprende in realtà una famiglia di circa 20 proteine secrete principalmente dai leucociti (linfociti B e linfociti T) ed è detto per questo “interferone leucocitario”. Queste sostanze sono state scoperte da due virologi giapponesi, Yasu-ichi Nagano e Yasuhiko Kojima, ricercatori presso l’Instituto per le Malattie Infettive dell’Università di Tokyo, mentre tentavano di migliorare il vaccino per il vaiolo, si accorsero che la pelle e i testicoli di coniglio in cui erano stati preventivamente inoculati dei virus, disattivati mediante radiazione UV, mostravano una crescita virale minore quando venivano re-infettati nello stesso sito con virus attivi. I due ipotizzarono che questo fosse dovuto a qualche “fattore inibitore” che cercarono di caratterizzare mediante frazionamento con ultracentrifuga dell’omogeneizzato virale irradiato con raggi-UV.

Altri farmaci: Mitoxantrone Copaxone, Betaferon, Tysabri, Rituximab

[Fonti principali: AAVV, Paginesanitarie.com, AAVV Corriere.it, AAVV MolecularLab.it, AAVV, Medicinelab.com]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici