CHANTIX Pfizer (Vareniclina tartrate)

 

CHANTIX, Pfizer

CATEGORIA: Farmaci per il trattamento della dipendenza da nicotina

FORMA FARMACEUTICA: Compresse

PRINCIPI ATTIVI: Vareniclina tatrate

INDICAZIONI: Indicato nel trattamento della dipendenza da nicotina e come supporto per i soggetti che intendono smettere di fumare, riducendo così il rischio di cancro. Agisce a livello celebrale sulle parti del cervello assuefatte alla nicotina e attraverso la simulazione dei suoi effetti riduce la voglia di fumare.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità o intolleranza al principio attivo o ad alcuni dei suoi componenti. Può provocare nausea, mal di testa, vomito, insonnia ed un cambiamento nella capacità gustativa. Inoltre, in alcuni soggetti predisposti, l’assunzione di Chantix ha provocato l’aggravarsi di sintomi neuropsichiatrici come cambiamento nell’umore e nel comportamento, stati di ansia e depressione ed agitazione.

NOTE: Chantix, uno dei nuovi farmaci anti-fumo, è conosciuto in Europa anche sotto il nome di Champix. Prodotto dalla Pfizer, ha effettivamente dimostrato la sua efficacia nel controllo della dipendenza da nicotina anche in confronto ad altri prodotti, come il Zyban o Wellbutrin, con principio attivo diverso (buproprione): infatti, il 43,9% dei pazienti in trattamento con Chantix hanno effettivamente smesso di fumare contro il 29% dei pazienti che assumenvano l’altro farmaco. Tuttavia, a fronte di questi straordinari effetti, la FDA sta monitorando il farmaco poichè sono stati registrati molti casi di insorgenza di disturbi psichiatrici gravi, con un aumento dei caso di tentato suicidio.

Altri farmaci: Zyban, Wellbutrin, Nicorette.

[Fonti principali: AAVV  Medilearn.it; AAVV Repubblica.it; AAVV, Blogosfere.it AAVV, FDA.gov]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.