Dare speranza ai bambini africani

di liulai Commenta

Per chi nasce in Costa d’Avorio o in Sierra Leone ci sono meno possibilità di diventare adulto: i due stati africani, oltre a essere tra i primi 10 Paesi al mondo dove un neonato rischia di morire per una semplice infezione (sepsi, polmonite, tetano o diarrea), per asfissia e per nascita pre-termine, detengono anche altri tristi primati. La Sierra Leone è il primo Paese al mondo per tasso di mortalità infantile (su cento bambini che nascono 27 non arrivano a compiere cinque anni), la Costa d’Avorio, invece, ha il più alto tasso di malati affetti da HIV nell’Africa occidentale.

Entrambi i Paesi escono da anni di violente guerre civili: la Sierra Leone durante gli anni sanguinosi dei combattimenti è ricorsa al fenomeno dei bambini e delle bambine soldato, mentre in Costa d’Avorio si è diffusa drammaticamente la prostituzione minorile. Soleterre Strategie di pace Onlus, un’organizzazione umanitaria che promuove la cultura di pace e l’applicazione dei diritti umani, per permettere a ogni individuo di vivere nelle migliori condizioni possibili, sta portando avanti la campagna “Ogni bambino dovrebbe poter fare il bambino” destinata a sensibilizzare sui problemi dei due Stati africani e a raccogliere fondi per progetti di sviluppo a favore dei minori di entrambi i Paesi. Per informazioni sui progetti concreti e per dare il sostegno a distanza, chiamare il numero verde 800.90.41.81 o visitare il sito.