Psoriasi genitale, sintomi e cosa fare

di Ma.Ma. Commenta

La psoriasi genitale è un disturbo che colpisce indistintamente uomini e donne e che si porta dietro sintomi simili alla versione più conosciuta, quella che di solito tende a fare capolino su ginocchia, gomiti, cuoio capelluto, mani e piedi. Essendo un problema che colpisce le parti intime, si riscontra spesso un certo ritardo nella diagnosi e il motivo è facilmente comprensibile: chi ne soffre ha difficoltà a dirlo perché si vergogna. Ma non solo, perché molto spesso la diagnosi di psoriasi genitale viene data in ritardo perché le persone scambiano i suoi sintomi per altri legati a patologie diverse (funghi, verruche o eritemi). Quali sono i sintomi della psoriasi genitale e cosa fare non appena si rilevano?

I principali sintomi

La psoriasi che colpisce le parti intime del corpo si traducono nella formazione di placche infiammatorie caratterizzate da squame biancastre che però possono essere anche tendenti al rosso. In alcuni casi le placche possono essere dure e quasi levigate ed è per questo che molto spesso vengono scambiate per verruche. Il prurito è uno dei sintomi tipici di questi disturbo che va a colpire generalmente la zona dei genitali e dell’anno, dell’inguine e in alcuni casi più rari può caratterizzare anche l’interno della vulva. Tra i sintomi tipici della psoriasi genitale ci sono questi che tendono ad aumentare in modo anche piuttosto rapido quando si seguono terapie non idonee.

Cosa fare?

Cosa fare quando notate che c’è qualcosa di strano nella zona delle vostre parti intime? Cercate di mettere da parte il pudore e la vergogna (che in situazioni come queste ci possono stare) e rivolgetevi immediatamente a un esperto dermatologo. La cura per la psoriasi genitale c’è ma non può prescindere da una accurata analisi. Tante sono le terapie efficaci che solitamente sono a base di steroidi, che riducono infiammazione e prurito. Ma il fai da te è altamente sconsigliato: creme e gel usati per la cura della psoriasi classica non sono assolutamente adatti alle parti intime.

Photo Credits | Ivelin Radkov / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>