ETILTOX Afom Medical (Disulfiram)

 

ETILTOX, Afom Medical

CATEGORIA: Farmaci per i disturbi da dipendenze.

FORMA FARMACEUTICA: Compresse

PRINCIPI ATTIVI: Disulfiram

INDICAZIONI: Indicato come terapia per la disassuefazione dall’etilismo cronico. Aumentando di circa 5/10 volte la concentrazione ematica dell’acetaldeide,  Etiltox provoca la sintomatologia responsabile del rifiuto all’alcool (senso di calore, cefalea, difficoltà respiratorie, nausea, vomito, tachicardia, sincope ed ipotensione).

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità individuale accertata verso il principio attivo. Non esistono controindicazioni specifiche, tuttavia è indispensabile adottare particolari precauzioni in caso di malattie cardiache gravi, psicosi, disordini della personalità diabete, cirrosi epatica, ipotiroidismo, epilessia e nefrite ed in soggetti sottoposti di recente a trattamento con preparati contenenti alcool (sciroppi contro la tosse, gocce, tonici o similari). I pazienti trattati con Etiltox non devono essere sottoposti ad Etilene Di bromuro ed ai suoi vapori. Etiltox non deve essere somministrato durante la fase di intossicazione acuta da alcool ed in pazienti non perfettamente coscienti. Non somministrare in gravidanza ed allattamento. Nei pazienti che dimostrano grave dipendenza dall’alcool, è consigliato il controllo del medico ed il ricovero ospedaliero. In altri casi, Etiltox può essere utilizzato a domicilio in concomitanza di una adeguata terapia di supporto psicologica. La contemporanea assunzione di disulfiram con ipoglicemizzanti orali, di ipnotici e dei sedativi può determinare interazioni e causare psicosi ed allucinazioni.

NOTE: Il bilancio del 2008, per quanto riguarda il consumo di alcool ed i danni da esso provocati, è tutt’affatto che positivo:  gli alcolisti in Italia sono più di un milione e mezzo e nove milioni sono le persone a rischio. L’alcol ed il suo abuso  è il terzo fattore di morte e disabilità nel mondo occidentale. Il problema, più diffuso tra i giovani, interessa in realtà una vasta fascia di popolazione. Basta pensare che, sempre nello scorso anno, tremila bambini sono nati con sindromi fetoalcoliche. Nonostante l’OMS abbia vietato il consumo e la vendita di alcolici alle persone di età inferiore ai 18 anni, raccomandando per gli adulti una dose giornaliera di circa 1/2 bicchieri, l’acol continua a essere un vero problema. In Italia, la Liguria detiene il record più triste: trecento ricoveri e quattordici intossicazioni acute di bambini in media ogni centomila abitanti.

Altri farmaci per le dipendenze: Campral, Antabuse

[Fonti principali: AAVV, StudioMedicoTorrino.com; AAVV, Repubblica.it; ]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.