Dieta ricca di fibre, la migliore per l’intestino

di Valentina Cervelli Commenta

Una dieta ricca di fibre per una flora batterica intestinale senza problemi e una salute invidiabile. Sono diversi gli studi che mostrano come una dieta povera di fibre sia deleteria per il nostro intestino e di conseguenza per il nostro organismo. Ora, un nuovo studio presentato recentemente presso l’International Symposium on Microbial Ecology di Copenaghen, in Danimarca, conferma come un’alimentazione ricca di fibre possa rappresentare una base su cui fondare il nostro benessere.

Una delle abitudini peggiori dell’essere umano è quella di mangiare molti cibi raffinati, privi dei nutrienti che possiederebbero se consumati al naturale e poca frutta e verdura, dimenticando che una buona funzionalità intestinale favorisce tra le altre cose l’assorbimento del calcio da parte dell’organismo, fattore che aiuterebbe e non poco le donne in menopausa e chi soffre di problemi ossei. Le fibre, una volta raggiunto l’intestino, non solo aiutano a “tenerlo pulito” ma contestualmente, fermentando nel colon, aiutano la nostra flora batterica a crescere ed a rimanere in buona salute.

Lo studio presentato in tal senso a Copenaghen è stato condotto dai ricercatori della Purdue University e coordinato dalle ricercatrici Cindy H. Nakatsu e Connie Weaver. Gli scienziati hanno preso un gruppo di ventitré ragazzi di età compresa tra i dodici ed i quindici anni per valutare gli effetti di una dieta ricca di fibra sull’apparato gastrointestinale. Per tutti è stata preparata un’identica dieta: a dodici di loro sono stati integrati nell’alimentazione dodici grammi di fibra di mais. L’analisi è durata in tutto ventuno giorni, intervallati da una settimana di pausa.

In coloro che avevano assunto maggiore fibra, è stato rilevato un incremento dei batteri buoni nella flora intestinale (bifidiobacteria, parabacterioidetes e alistipes, N.d.R.) correlato da un ambiente che favoriva l’assorbimento del calcio.

Commenta la dott.ssa Nakatsu:

Questo è importante, perché questi dati cominciano a fornire elementi di prova circa il meccanismo con cui la fibra di mais solubile aiuta ad aumentare l’assorbimento di calcio osservato. Abbiamo ancora bisogno di ulteriori ricerche per capire l’interazione tra dieta e salute dell’intestino, tuttavia, gli aumenti osservati in ciò che crediamo essere alcuni dei batteri più importanti e benefici possono contribuire alla salute dell’intestino in generale. Inoltre, l’aumento dell’assorbimento di Calcio potrebbe contribuire a benefici a lungo termine per la salute delle ossa, anche se questo potenziale beneficio richiede ulteriori ricerche.

Non vi è venuta voglia di mangiare più fibre nel leggere questo studio statunitense ?

Photo Credit | Thinkstock