Carcinoma infiltrante vescica, quale terapia?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su terapia carcinoma infiltrante vescica
Gentili dottori, Scrivo per chedere un parere riguardo ad una paziente di 70 anni che ha appena subito una cistectomia radicale a causa di un carcinoma infiltrante slla vescica. La biopsia ha appena classificato il carcinoma come T3 N2 non papillare con differenziazione divergente ad alto grado. La signora ha superato bene l’operazione e non soffre di alcuna altra patologia. In questo caso potrebbe essere d’aiuto l’ipertermia? Quali altre terapie possono essere applicate? Grazie per l’attenzione. “

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Carcinoma infiltrante vescicale

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

 

Gentile Utente, per quel che viene descritto si può ipotizzare un trattamento chemioterapico adiuvante come terapia principale (esami ematochimici e condizioni generali permettendo). L’ipertermia può avere un ulteriore ruolo come coadiuvante sinergico a livello addominopelvico rispetto al trattamento principale. Opportuna, se non è stata eseguita, stadiazione completa mediante TC total body con mdc.

Cari saluti

Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

Per altri vostri quesiti compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock