Inventato il casco che ringiovanisce il cervello

di Salvina 1

Gordon Dougal, della compagnia di ricerca Virulite ha inventato il casco che ringiovanisce le cellule cerebrali. Non si tratta tuttavia di un casco come quelli che si indossano per proteggere il capo dagli urti violenti quando si va in moto. Anzi gli studiosi inglesi che lo hanno messo a punto, testandolo prima su cavie di laboratorio, lo hanno definito elmetto “risana neuroni” infatti sembra che sia in grado, se indossato 10 minuti al giorno per 4 settimane, di riparare i neuroni danneggiati dai processi degenerativi come quelli che intervengono nelle demenze. In otto casi di demenza su 10 si è rivelato efficace.

La realizzazione di questo singolare strumento si basa su uno studio condotto presso l’ università di Sunderland in Inghilterra condotto per testare l’efficacia degli infrarossi nel migliorare la memoria dei topi. Secondo gli studiosi le onde luminose a bassa frequenza sarebbero in grado di stimolare la crescita dei neuroni e quindi limitare i sintomi di malattie neurodegenerative fortemente invalidanti come la Demenza di Alzheimer , per questo motivo la scoperta ha acceso la speranza dei malati di Alzheimer inglesi pur con la consapevolezza che la sperimentazione è solo all’inizio. E d’altra parte, come ammette lo stesso Dougal, tutto quello che si può fare adesso è rallentare i processi di decadimento neuronale.


L’elmetto risana neuroni promette anche di rallentare, in futuro, i processi di invecchiamento fisiologici permettendo al corpo e quindi al cervello di restare giovane più a lungo. Potrebbe infatti rappresentare uno strumento in grado di ordinare alle cellule di ogni tipo di tessuto di rigenerarsi da sole, cosa che cessa di avvenire man man mano che i processi di invecchiamento avanzano. Potremmo quindi essere vicini alla scoperta di un vero e proprio elisir di giovinezza attraverso il quale controllare e modificare gli effetti dell’avanzare del tempo.

Fantascienza? Forse, ma è impressionante vedere come ciò che solo dieci anni fa sembrava umanamente impossibile sembrerebbe potersi tramutare in una realtà concreta in virtù dei progressi della scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>