Schiave degli ormoni. Ecco perchè le donne avrebbero meno successo degli uomini

di Salvina 5

La tendenza delle donne a realizzarsi meno degli uomini in ambito lavorativo sarebbe, secondo la studiosa Susan Pinker, non solo socialmente, ma anche biologicamente determinata. Anni di lotte per la conquista della parità tra i sessi e per l’emancipazione delle donne sarebbero quindi stati inutili? Infatti a decretare sin dove può osare una donna sarebbe una predisposizione biologica contro la quale non si può nulla. Nel libro “The sexual paradox, extreme men, gifted woman and the real gender gap” la psicologa statunitense, rivela come le donne, sebbene ugualmente motivate e capaci, a volte anche più degli uomini (il contentino stavolta ce lo da una donna!), non riescano poi a raggiungere le vette del successo a causa della scarsa produzione di testosterone a fronte di un’abbondante secrezione di ossitocina, ormone coinvolto nei meccanismi dell’orgasmo e della maternità.

In particolare, secondo la Pinker, le donne sarebbero più propense, in virtù delle proprie caratteristiche ormonali, a scegliere impieghi che abbiano un’utilità sociale perchè maggiormente comunicative ed empatiche e ad avere un maggior ventaglio di relazioni interpersonali e interessi che esulano dall’ambito lavorativo. Sarebbe sempre l’ossitocina a portare la donna lavoratrice a sentirsi meno soddisfatta del proprio lavoro se per svolgerlo è costretta a passare meno tempo con i figli o a limitare la propria vita sociale. Gli ormoni in pratica portano le donne a compiere delle scelte professionali e di vita che limitano le loro possibilità di “raggiungere la vetta”.


La stessa Pinker afferma inoltre che con la maternità , insieme al cambiamento ormonale che porta le donne a preferire la carriera ai figli, migliora anche la capacità di queste nella gestione dei problemi. Gli auspicabili cambiamenti sociali in favore delle donne lavoratrici saranno utili per rendere la vita un pò più semplice a chi cerca di conciliare lavoro e famiglia, ma non cambieranno le cose. Il ruolo dei fattori sociali e culturali che incidono indiscutibilmente sulle difficoltà che molte donne, non solo le madri, incontrano in ambito lavorativo, sembra quindi non avere molta importanza, mentre cruciale risulterebbe l’azione degli ormoni che comincia già nel grembo materno e continua per tutta la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>