IMITREX GlaxoSmithKline (Sumatriptan)

IMITREX, GlaxoSmithKline

CATEGORIA: Antidolorifico per il trattamento dell’emicrania.

FORMA FARMACEUTICA: Compresse, spray nasale, soluzione per iniezione sottocutanea

PRINCIPI ATTIVI: Sumatriptan

INDICAZIONI: Indicato per il trattamento dell’emicrania. Agendo sui nervi e sui vasi sanguigni che generano il dolore, Imitrex allieva tutti i sintomi associati all’emicrania, come dolori alla testa palpitanti, nausea, eccessiva sensibilità a luci e suoni. Non fa efficacia preventiva, infatti va assunto solo quando si è già manifestata l’emicrania.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità al principio attivo o ad uno dei suoi componenti. L’assunzione di Imitrex è controindicata nei pazienti che soffrono di cardiopatie, disordini vascolari periferici, sindrome di Raynaud, ipertensione, colesterolo alto e diabete. Sconsigliato anche nei pazienti che hanno avuto una storia di attacchi ischemici. Il medicinale va assunto sotto stretto controllo medico e valutando il fattore rischi/benefici nei soggetti fumatori perchè può causare problemi cardiaci. Imitrex può avere interazioni con farmaci Mao – inibitori (antidepressivi), altri farmaci per combattere l’emicrania (ergotamina). Non somministrare in gravidanza ed allattamento.

NOTE: L’emicrania, che colpisce il 10/15% della popolazione, può essere considerata un fenomeno neurobiologico complesso, spesso ereditario, legato ad alterazioni transitorie del funzionamento delle cellule nervose, ma in realtà,  le basi neurofisiologiche dell’emicrania sono ancora oggi poco conosciute. Sono sicuramente causate da disturbi dei neurotrasmettitori come la serotonina e proteine della membrana neuronale, come la cosiddetta pompa del sodio e del potassio. I sintomi dell’emicrania sono caratteristici e facilmente identificabili anche se variano di molto in base alle diverse tipologie di emicrania. Molti sono anche i farmaci che vengono indicati per il trattamento, differenti per principio attivo e per azione. Inoltre, è importante la prevenzione dell’emicrania per cui vengono solitamente impiegati medicinali come beta-bloccanti, antagonisti del calcio, antidepressivi ed antiepilettici. L’emicrania, solitamente, ha una recessione spontanea dopo i 50 anni.

Altri farmaci per il trattamento dell’emicrania: Cafergot, Optalidon, Aspirina, Tachipirina, Cibalgina, Imigran, etc

[Fonti principali: AAVV, Drugs.com, AAVV Xagena.it, AAVV, AvisMontichiari.it, AAVV, MigrainHelp.com]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.