Gli adolescenti maschi vittime di discriminazioni fumano di più, le donne no

di Redazione 0

La percezione della discriminazione aumenta la possibilità negli adolescenti di prendere il vizio del fumo, ma lo stesso mecccanismo non accade nelle ragazze, secondo un nuovo studio della Indiana University School of Medicine. Questo sarà pubblicato nel prossimo numero del Journal of Public Health.

Non sembra esserci un’associazione tra la discriminazione percepita e il fumo nelle ragazze minorenni, dai 12 ai 15 anni. Al contrario, per le ragazze tra 16 e 19 anni, la discriminazione è stata associata a più bassi, e non a più alti, tassi di fumo.

Abbiamo esaminato l’associazione tra la discriminazione ammessa e il fumo tra gli adolescenti, perché sia la percezione della discriminazione che il tasso di fumo sono alti nei minorenni. I nostri risultati che riguardano le ragazze, soprattutto quelle più grandi, in realtà ci hanno sorpreso. Noi non sappiamo perché le ragazze più grandi che hanno percepito la discriminazione erano meno propense a fumare, ma ci può essere la possibilità che notano la discriminazione, perché sono in stato di gravidanza, e perciò non fumano a causa della stessa

ha spiegato il primo autore dello studio Sarah E. Wiehe, Professore e assistente di pediatria presso la Scuola UI di Medicina, e ricercatore associato al Regenstrief Institute. I ricercatori hanno esaminato 2.561 adolescenti neri e latino-americani con un età tra 12 e 19 anni, con basso reddito familiare residenti a Baltimora, Boston, Chicago, Los Angeles e New York. Uno su quattro di questi adolescenti ha segnalato delle discriminazioni che lo hanno colpito almeno una volta negli ultimi sei mesi. Il 12% ha riferito di aver fumato negli ultimi 30 giorni.

Gli studi precedenti hanno rilevato una percezione della discriminazione razziale-etnica associata al fumo tra gli adolescenti e giovani adulti, che non cambia in base al genere.

Dobbiamo essere consapevoli del fatto che la discriminazione è un problema di sanità pubblica per gli adolescenti – quello relativo a questioni importanti per la salute come il fumo – e [abbiamo] la necessità di lavorare attivamente per ridurre questi eventi

ha aggiunto il Dott. Wiehe. I ragazzi che aumentavano il fumo nei casi di discriminazione possono riflettere lo stress aumentato dalle specificità del sesso, perché possono essere presi di mira da parte della polizia o nel lavoro, conclude lo studio.

A causa dei tassi molto elevati di fumatori tra i minorenni uomini, le forze dell’ordine, le scuole, e gli operatori sanitari devono lavorare a stretto contatto con le comunità per prevenire l’iniziazione al fumo. La prevenzione del successo potrebbe essere necessaria per inserire un approccio più globale alle questioni dei minorenni che incontrano nella loro vita quotidiana

ha spiegato Dennis J. Fortenberry professore di Pediatria presso la Scuola di UI la medicina e l’autore principale della ricerca. I ricercatori hanno intenzione di seguire i ragazzi per determinare dove passano il tempo, vedere le loro esperienze in quei luoghi, e come queste sono legate ai comportamenti come il fumo per mirare a migliori strategie per ridurre la probabilità di “iniziazione al fumo” o l’incremento del fumo, insieme agli altri comportamenti a rischio.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>