Come scoprire se vostro figlio fa uso di droghe

di Paola 2

Il comportamento degli adolescenti sono, la maggior parte delle volte, incomprensibili ai genitori. Non fate l’errore di credere che vostro figlio ragioni come ragionavate voi alla sua età perché sicuramente non è così. Ma dietro alcuni comportamenti incomprensibili, come si fa a sapere se c’è qualcosa che non va? Come fa un genitore a sapere quando è giusto intervenire? La riluttanza dei genitori ad individuare i segni, e spesso la loro distrazione nel dare loro i soldi, può costare la vita stessa dei propri figli.

Il dolce fascino dei 13 anni è stato recentemente trasformato in un comportamento cupo, ritirato e socialmente isolato a 14 anni?. La sua porta della camera è più o meno permanente chiusa ed emana musica a tutto volume? Qualsiasi tentativo da parte vostra per comunicare ottiene risposta con monosillabi e grugniti? Probabilmente si tratta di un momento difficile dell’adolescenza, ma può anche darsi che sia arrivato il momento di intervenire.

Spiega il capitano Niekie Coetser dell’Ufficio Narcotici della polizia sudafricana che

I genitori pensano che se fosse vero che il loro bambino fa uso di droghe, sarebbe un atto di accusa grave alle loro capacità genitoriali, per aver mancato la comprensione dei segnali. Alcuni genitori danno ai loro figli enormi somme di denaro per compensare la loro mancanza di coinvolgimento. Nessuna domanda serve a chiedere informazioni su come il denaro viene speso. Anche quando vi è la prova reale che un adolescente sta assumendo droghe, o che frequenta gli amici sbagliati, alcuni genitori scelgono di ignorare il problema, per paura di ciò che le altre persone possono dire, o di cosa potrebbero fare nella loro condizione sociale.

Alcune droghe sono difficili da individuare. La negazione e un certo grado di disonestà sono i classici sintomi della tossicodipendenza. Questi due fattori rendono molto difficile per i genitori sapere con certezza se le droghe sono diventate un ospite indesiderato delle loro famiglie. E’ importante, però, che i genitori non traggano conclusioni affrettate sulla base di un unico segnale, che potrebbe essere stato causato da qualcosa di completamente diverso.

È importante non saltare subito alle conclusioni (un 15enne improvvisamente triste e sfinito potrebbe solo aver avuto una lite con il suo migliore amico). Non allontanare il ragazzino inutilmente rivolgendogli accuse infondate. Ma quali sono i segni che potrebbero rendere evidente il consumo di droga di un adolescente? Secondo la narcotici sudafricana sono i seguenti:

  1. Un cambiamento improvviso nella sua cerchia di amici;
  2. Segreto costante su dove va e quando tornerà;
  3. Una improvvisa indisponibilità a portare a casa gli amici e di farveli conoscere;
  4. Un improvviso calo nel rendimento scolastico;
  5. La mancanza di interesse per le attività che preferiva in precedenza;
  6. Rapida scomparsa dei soldi in tasca senza un giustificato motivo;
  7. Improvviso cambiamento del sonno;
  8. Del denaro scompare dalla vostra borsa/portafoglio, o piccoli oggetti spariscono da casa, spesso le cose che non verrebbero subito notate;
  9. Il giovane sembra non stare bene, essere esausto e sembra aver perso entusiasmo per la vita;
  10. Le abitudini alimentari sono improvvisamente cambiate, con conseguente perdita o aumento di peso;
  11. Gli stati d’animo mutano selvaggiamente;
  12. C’è un segreto certo che si è insinuato nella vita di vostro figlio. Si ha la sensazione che lui/lei spesso dica cose solo per rendervi felici e che in realtà vi stia mentendo;
  13. Rifiuto di pulire la propria stanza.

I genitori dovrebbero essere consapevoli del fatto che siamo una società dove la droga viene facilmente in contatto con i più giovani (secondo le ultime stime il primo contatto avviene già ad 11 anni), e che gli adolescenti stanno attraversando un periodo molto stressante e non è insolito per loro compiere gesti inconsulti.

Il consiglio è parlare ai vostri figli, far conoscere chiaramente la vostra opinione e mantenere le linee di comunicazione aperte. Tenerli d’occhio ma senza diventare paranoici. In definitiva evitare che vostro figlio si allontani da voi.

[Fonte: Health24]

Commenti (2)

  1. Sono Fabrizio, sociologo e aspirante papà. Il suo articolo mi ha lasciato senza una briciola di parola. I toni pacatamente scossanti ( da scossa ) hanno permesso al suo discorso di essere percepito con “irradiante” sensazionalità.
    Lei è un’ eccezionale mom blogger e dovrebbe far parte dei VIB (Very Important Blogger) 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>