Caldo, come affrontare i viaggi per le vacanze

di Valentina Cervelli 0

Estate è sinonimo di caldo. E di vacanze. Questo presuppone il mettersi in viaggio in auto o in treno, verso luoghi di destinazione talvolta anche molto lontani. Vediamo insieme come affrontare l’esodo vacanziero nel corso delle ondate di calore che stanno colpendo la nostra penisola.

A prescindere da quella che può essere la propria sensibilità al calore, il rialzo della temperatura atmosferica ha degli effetti sull’organismo, a partire dalla disidratazione fino ad arrivare a tutta una serie di problematiche di diverso genere derivanti dalla stessa: stanchezza, insonnia, nervosismo, difficoltà di concentrazione. Il doversi spostare in auto da una località all’altra, subendo il traffico e l’impossibilità di muoversi o lo stare chiusi in vagoni che non sempre sono perfettamente funzionanti in quanto ad aria condizionata rischia di mettere a dura prova la resistenza delle persone, specialmente di quelle a rischio come donne incinte, bambini ed anziani.

Per evitare che il caldo trasformi il vostro viaggio in un incubo basta seguire dei semplici consigli che adesso vi daremo. La prima cosa da fare, anche se si è in viaggio e compatibilmente con il vostro mal di auto, è quella di bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno. Serve a reintegrare i liquidi persi e ricordatevi: non bisogna aspettare lo stimolo della sete. Se possibile quest’acqua deve essere ricca di minerali in modo tale da reintegrare i sali che naturalmente perdiamo con la sudorazione e che servono per far funzionare bene il nostro organismo.

Poi un particolare occhio deve essere posto sui bambini. Loro più di tutti non sono in grado di esprimere il loro bisogno di bere e sono la categoria più a rischio disidratazione. E’ necessario quindi fornire agli stessi piccole quantità d’acqua, non troppo fredda, ad intervalli regolari in modo tale da mantenerli il più possibile idratati. Non dobbiamo dimenticare che la loro necessità di bere acqua è più alta della nostra e che è bene fornire loro delle acque oligominerali per non affaticare i loro reni. Allo stesso modo, data la scarsa percezione degli anziani della calura, è bene accertarsi che bevano adeguatamente nel corso dell’intero viaggio e che non indossino più indumenti di quelli realmente necessari.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>