Cartella clinica? Arriva quella elettronica europea

di Tiziana Veronico Commenta

Finalmente le informazioni sulle cure e il paziente possono viaggiare insieme. La cartella clinica europea consentirà di agevolare la mobilità del paziente a livello interregionale ed intereuropeo, potrà migliorare la continuità delle cure la riduzione degli errori clinici. Inoltre consente di ottimizzare i tempi e la cooperazione tra Regioni e Paesi con un conseguente risparmio di risorse.
In altre parole, si può parlare di armonizzazione sanitaria tra gli Stati membri dell’UE. Ma tutto potrà essere possibile se tutti i dati dei pazienti vengono trasmessi al Ministero della Salute, all’Istituto Superiore di Sanità e alle Agenzie Europee per la Salute.


E’ stato messo a disposizione della Regione Veneto un finanziamento di 176.000 euro che permetterà di sperimentare la cartella clinica europea a partire da maggio e per un periodo di 3 anni. “Si dovrà lavorare in futuro, ancora di più che in passato per raccordare e coordinare le iniziative europee così da meglio condividere i risultati ottenuti, le pratiche realizzate, le soluzioni tecniche adottate” così afferma soddisfatta l’Assessore alla Politiche Sanitarie del Veneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>