Eluana, la clinica di Udine non la può più accogliere

di Redazione 0

Siamo costretti a ritirare la disponibilità ad ospitare la signora Eluana Englaro e l’equipe di volontari esterni per l’attuazione del decreto emesso dalla Corte d’Appello di Milano il 9 luglio 2008 e ratificato dalla Corte di Cassazione a sezioni riunite lo scorso novembre per il “groviglio” di norme amministrative e la possibile sovrapposizione di competenze esistenti tra Stato e Regioni.

Con queste parole la direzione della clinica “città di Udine“, che aveva deciso di accompagnare Eluana Englaro verso la fine del suo travaglio, è costretta a farsi indietro. Alla base il decreto d’urgenza emesso dal Ministro Sacconi il quale vietava interventi simili, diramato proprio alla vigilia della sua partenza.

La decisione è stata obbligata in quanto c’era il rischio che la clinica venisse chiusa a causa dell’inosservanza del decreto. Ancora una volta la politica ha avuto la meglio sul buon senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>