Ischemia cerebrale, nuova cura da un farmaco per l’asma

di Cinzia Iannaccio Commenta

Uno studio internazionale, nato dalla collaborazione tra l’Università Statale di Milano ed il Centro Cardiologico Monzino IRCCS e pubblicato su Pharmacological Research ha individuato la possibilità di impiegare il Montelukast, nota molecola attiva nellapprevenzione e cura dell’asma per trattare l’ischemia cerebrale.

Riposizionare i farmaci in commercio è una nuova strategia volta ad identificare nuove indicazioni per determinate molecole oltre quelle per cui era stato creato. L’obiettivo, oltre l’identificazione di un’efficacia terapeutica è ovviamente quello di ridurre tempi e costi normalmente richiesti per gli studi preclinici e per la valutazione del profilo di sicurezza.

Lo studio in questione è stato finanziato dal bando ERA-NET NEURON e coordinato dalla professoressa Elena Tremoli, docente dell’Università degli Studi di Milano e Direttore Scientifico del Centro Cardiologico Monzino IRCCS, e dalla professoressa Maria Pia Abbracchio del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari.

Montelukast che fa parte di una classe di farmaci antiasmatici già ampiamente utilizzati, si è dimostrato in grado di stimolare il ripristino della connettività cerebrale promuovendo la maturazione di un tipo di cellule simil-staminali ancora presenti nel cervello adulto in cellule mature produttrici di mielina, la sostanza isolante che, avvolgendo i prolungamenti nervosi, permette la trasmissione di messaggi fra una cellula e l’altra. Ciò aiuta a contenere il danno nelle fasi immediatamente successive all’ischemia e di attivare una fase riparatrice delle fibre nervose nella fase successiva.

Gli autori dello studio, pur sottolineando l’importanza  dei risultati ottenuti, hanno evidenziato comunque la necessità di ulteriori approfondimenti circa i meccanismi cellulari che conducono all’efficacia terapeutica. Di certo, se confermati i risultati, una volta compresi i meccanismi l’applicazione clinica del montekulast nei pazienti con ictus potrebbe arrivare precocemente visto che si tratta di un medicinale già in commercio, largamente impiegato e con un’alta tollerabilità.

 

Leggi anche:

Ictus: il funzionamento della proteina salva-cervello

Ictus, robotica efficace nella riabilitazione dei casi più gravi

 

Fonte: Nbci

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>