Polmonite, boom di casi questa estate

di Valentina Cervelli 0

E’ boom di casi di polmonite quest’estate a causa delle temperature pazze che nelle ultime settimane si sono alternate. Almeno 8mila persone in questi giorni nel nostro paese hanno dovuto rinunciare alla propria vacanza e rimanere a letto.

 

In particolare, ad essere stati colpiti sono stati i bambini e gli anziani, quelle fasce di popolazione dal sistema immunitario più debole, i quali hanno risentito di questo avvicendarsi di temperature diverse. Quelli citati sono sono i casi registrati in seguito ad un ricovero ospedaliero. Possiamo quindi immaginare che altri malati siano stati curari semplicemente con il supporto del medico di famiglia e la somministrazione di antibiotici specifici contro i batteri che hanno dato vita all’infezione.

I dari registrati in merito a questo boom di casi di polmonite indica come rispetto agli anni passati i contagiati abbiano subito un incremento. Tutto questo senza contare i virus respiratori e gastrointestinali che in queste settimane, approfittando del tempo più brutto e degli odiosi sbalzi termici, hanno trovato terreno di coltura fertile nelle persone già debilitate. Spiegano gli esperti:

Se nei bambini e nei giovani in genere la polmonite si manifesta con spossatezza, febbre alta e difficoltà respiratorie negli anziani più spesso arriva una febbricola altalenante, che può confondere. Ecco che se ci si sente particolarmente spossati, fiacchi, con una pesantezza sul petto e la febbricola non passa, è il caso di fare un controllo dal medico.

Quasi sempre una diagnosi più veloce significa poter curare immediatamente l’infezione evitando inutili e pericolose complicanze. E’ per questo motivo che si nota che qualcosa non va non bisogna avere paura di contattare il proprio dottore. Approcciare la polmonite ai suoi primi stadi significa assumere meno antibiotici e stressare meno il sistema immunitario e l’organismo, raggiungendo più velocemente la guarigione.

Fattore che nel periodo estivo è sinonimo di vacanze in salute e totalmente prive di stress. Basta poco.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>