La telepatia esiste?

di Valentina Cervelli 0

La telepatia esiste sul serio? Uno studio condotto dall’Università di Harvard ha tentato di rispondere a questa domanda, concentrandosi sulla messa in atto di un esperimento davvero particolare ed esplicativo.

Sono stati molti i team in tutto il mondo che hanno tentato di provare l’esistenza della telepatia, ma nessuno è riuscito a farlo in maniera definitiva. Gli scienziati americani ci sono arrivati vicino. Non avranno dimostrato che questa esista, ma sono riusciti a far comunicare due cervelli ad 8mila chilometri di distanza senza che le persone parlassero o scrivessero su una tastiera. Una sperimentazione condotta con metodi non invasivi pubblicata sulla rivista di settore Plos One.

Il professor Alvaro Pascual-Leone ed i suoi colleghi sono riusciti a trasmettere le parole “Hola” e “Ciao” dall’India alla Francia. Come spiega il luminare:

Volevamo scoprire se fosse possibile la comunicazione diretta tra due persone leggendo l’attività cerebrale da una persona e “iniettando” l’attività cerebrale nella seconda persona, facendolo attraverso grandi distanze fisiche sfruttando percorsi di comunicazione esistenti. Un tale percorso è, ovviamente, Internet, così la nostra domanda è diventata: “Potremmo sviluppare un esperimento che potrebbe bypassare il parlare o il digitare su Internet e stabilire una comunicazione diretta cervello/cervello tra soggetti molto distanti l’uno dall’altro, in India e in Francia?”

Ci sono riusciti. Dopo aver reclutato 4 volontari sani ed in buona salute tra i 28 ed i 50 anni, i ricercatori hanno dapprima monitorato la loro attività cerebrale con un elettroencefalogramma (EEG) collegato a Internet, ed hanno poi utilizzato una tecnologia robot-assistita di stimolazione magnetica transcranica. Uno dei partecipanti è stato utilizzato come mittente delle parole, mentre gli altri tre come riceventi. Attraverso l’elettroencefalogramma gli scienziati hanno tradotto il saluto “Hola” e “Ciao” in codice binario e li hanno inviati in rete verso la Francia, dove il computer collegato al robot di stimolazione cerebrale non invasiva avrebbe poi tradotto in impulsi adatti ad essere compresi dall’encefalo umano ( attraverso fosfeni, puntini di luce,N.d.R.) le parole. Nessuna conseguenza negativa per i volontari ma un messaggio arrivato forte e chiaro.

Non si tratta di vera e propria telepatia perché non funziona con il pensiero, ma è stato possibile dimostrare che la comunicazione tra i cervelli è possibile.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>