Più speranze di sopravvivenza per gli afroamericani con l’AIDS

di Paola 0

Fin dall’inizio dell’epidemia di HIV, è emerso che alcune delle persone che venivano infettate erano in grado di scongiurare gli effetti mortali della malattia più di altri. Recenti studi hanno iniziato a spiegare la causa di questo fenomeno, e le nuove ricerche suggeriscono che gli afro-americani a cui viene diagnosticata la malattia hanno un vantaggio unico in termini di sopravvivenza se hanno contemporaneamente un basso numero di globuli bianchi (noto come leucopenia) e una variazione genetica che si trova principalmente in persone di origini africane.

Il gene mutato è il recettore per la chemochina (DARC), e la leucopenia rallenta la progressione dell’HIV-AIDS. Precedenti studi avevano dimostrato che la stessa variante DARC conferiva protezione per le persone di origini africane contro una particolare forma di malaria, e che le persone di discendenza africana avevano, in media, meno globuli bianchi delle persone di discendenza europea. La leucopenia è una delle condizioni più frequentemente osservate nei pazienti con infezione da HIV-1, ma il suo impatto sul corso della malattia è relativamente sconosciuto.

Anche se la leucopenia è legata alle origini africane e alla velocità della progressione della malattia, abbiamo riscontrato che in confronto agli americani-europei, i pazienti afroamericani con HIV non necessariamente ottenevano questo risultato

ha spiegato l’autore dello studio Sunil Ahuja della Veterans Administration Research Center for AIDS e HIV-1 infection dell’Università del Texas, a San Antonio.

Questo studio ha valutato i dati delle ricerche genetiche militari, inclusi quelli dei 1.132 partecipanti allo studio. I ricercatori hanno testato la presenza della variazione della DARC nei pazienti valutati e la conta dei globuli bianchi per tutto il corso della malattia per determinare l’impatto dei diversi livelli di globuli bianchi sul tasso di sopravvivenza. La prevalenza di leucopenia, al momento della diagnosi, è stata significativamente più alta negli afroamericani (28%) rispetto agli americani-europei (15%) o di altre etnie (13%). I ricercatori hanno scoperto che la leucopenia è stata generalmente associata ad una più rapida progressione della malattia, ed è nota come predittore dello sviluppo di AIDS.

In media, gli americani leucopenici hanno una progressione di quasi tre volte più veloce rispetto ai non leucopenici africani o europei. Tuttavia, i leucopenici afro-americani hanno avuto un lento decorso della malattia rispetto agli europei e agli americani, anche se avevano il doppio della leucopenia.

ha spiegato Hemant Kulkarni, altro autore di questo studio. I ricercatori hanno riscontrato che la variazione della DARC, e non della razza, ha spiegato le differenze nella conta dei globuli bianchi. Tra coloro che sono stati leucopenici, solo quelli con la variazione della DARC hanno subito un significativo vantaggio nella sopravvivenza. Inoltre, questo vantaggio in termini di sopravvivenza è diventato sempre più marcato in quelli con meno globuli bianchi.

I globuli bianchi, sono intrinsecamente legati all’infiammazione, e l’infiammazione è noto che alimenti la progressione dell’HIV. Pertanto, i futuri studi dovranno decifrare se l’interazione tra la DARC e la variante della bassa conta dei globuli bianchi si traduce in un ridotto stato infiammatorio.

Questo studio è stato pubblicato sulla rivista Blood, il giornale ufficiale della American Society of Hematology.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>