Cosa significa essere sieropositivi?

di Valentina Cervelli Commenta

Cosa significa essere sieropositivi? Questa condizione coinvolge ogni sfera della persona malata: quella fisica, quella emotiva e sociale ed ovviamente quella sessuale. Cerchiamo di scoprire cosa cambia quando si contrarre un’infezione da HIV.

Tecnicamente essere sieropositivi significa avere nel corpo degli anticorpi anti-HIV senza che le infezioni opportunistiche siano ancora arrivate e quindi l’AIDS conclamata. Esteriormente le persone affette da HIV non mostrano segni della malattia e se trattate in modo corretto terapeuticamente possono rimanere asintomatiche a lungo.

Quando si contrarre questa patologia la propria vita è destinata a cambiare, nonostante i farmaci antiretrovirali siano in grado di mantenere la persona a lungo in salute senza che la malattia venga conclamata. Vi è la necessità di rispettare orari ben precisi per assumere i medicinali i quali per quanto nella gran parte privi di effetti collaterali fanno sentire il loro peso sull’organismo e sarà necessario gestire con maggiore attenzione ferite e sanguinamenti. Non si deve dimenticare che ogni singola goccia di sangue può infettare in caso di tagli o scambio di liquidi. Anche la vita sessuale è destinata a cambiare: le precauzioni che non sono state prese in precedenza ora diventano basilari se si vuole pensare di avere dei rapporti interpersonali fisici senza correre il rischio di infettarla.

E’ necessario fare maggiore attenzione a qualsiasi altro virus che possa colpire il corpo, e bisogna dichiarare in alcuni contesti di essere sieropositivi. Tutto questo, il senso di inadeguatezza sempre crescente e l’ignoranza della gente sul tema HIV e AIDS portano in alcuni casi l’individuo ad emarginarsi ed essere emarginato: non di rado ci si trova a combattere successivamente con uno stato di depressione. E’ per evitare tutto questo che esiste la Giornata Mondiale dell’Aids: per fare comprendere alla popolazione i pericoli che corre e quanto la prevenzione sia necessaria. Ma anche per aiutare chi è malato a capire che non è solo. E che la vita può andare avanti il più normalmente possibile.

Essere sieropositivi significa modificare la propria esistenza, ma non ne sancisce la fine.

Photo Credits | jijomathaidesigners / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>