Forame ovale pervio (FOP) e agonismo

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Forame ovale pervio (FOP) e agonismo
“Mio figlio ha 10 anni e gioca a calcio da quando ne aveva 5. Ha un forame ovale pervio (mi dicono minimo) che teniamo sotto controllo con screening cardiologico ogni anno, anche se mi dicono di staree tranquilla e ad un centro specialistico a Napoli mi hanno invitato a fare il successivo controllo dopo 4 anni. Questa cosa mi preoccupa sempre molto, ed anche il pediatra è sempre perplesso quando deve fargli il certificato per l’attività sportiva. Ora è stato preso da una buona squadra, che conta di portarlo all’agonismo. Le domande: posso stare sicura che un’intensa attività sportiva (cosa che cmq ha fatto finora) non sia pericolosa? I cardiologi mi dicono di no, il pediatra mi ricorda il caso Cassano. Il fop può precludere l’agonismo? Cosa mi consiglia oltre lo screening cardiologico (eco elettro e visita)?. Grazie.”

forame ovale pervio fop agonismo

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema Forame ovale pervio -Fop e agonismo

 

Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

 

Egr.Sig.ra, esistono dei Centri di alta specializzazione nel merito ed uno di questo è l’Acquacetosa a Roma. E’ vero che alcuni ci convivono perchè non lo sanno e ad uno su diecimila succede quello che è successo a Cassano. Se fosse mio figlio e come tutti i ragazzi deve fare sport agonistico o non io le consiglio di portarlo in Centri specialistici. Saluti F.Bizzarri

 

Leggi anche:

Ictus, tra le cause forame ovale pervio ed apnee notturne …

 

Per altri vostri quesiti compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock