Caffè e tè possono diminuire il rischio di diabete

di Marco Mancini Commenta

Le persone che bevono il caffè e il , anche decaffeinati, possono ridurre drasticamente il rischio di diabete, spiegano dei ricercatori australiani. Il loro studio non spiega perché questo potrebbe accadere, ma rafforza le conclusioni di studi precedenti che mostrano come le bevande possono prevenire il diabete di tipo 2.

Ogni ulteriore tazza di caffè consumata in un giorno è stata associata ad una riduzione del 7% del rischio di eccesso di diabete

ha dichiarato Rachel Huxley della University of Sydney in Australia. Ciò significava che le persone che bevevano tre a quattro tazze al giorno avevano un 25% di rischio inferiore di sviluppare il diabete rispetto a chi ha bevuto poco o per niente queste bevande.

Il team di Huxley ha effettuato quella che è conosciuta come una meta-analisi, cioè ha considerato tanti piccoli studi pubblicati fino a raggiungere un ampio numero di casi per mostrare i modelli più chiaramente. Sono stati analizzati 18 diversi studi che comprendono più di 450.000 persone. La tendenza è chiara, ma le ragioni non tanto.

Poiché la maggior parte degli studi inclusi in questa revisione non hanno fornito i dati sugli effetti di queste bevande o dei loro componenti, recanti le misure di iperglicemia e la sensibilità all’insulina, non possiamo fornire ulteriori elementi di prova sui meccanismi coinvolti

hanno scritto. Ad esempio, la ricerca non ha indicato se le persone che bevevano più caffè hanno anche accompagnato quest’attività con una dieta particolare.

I nostri risultati suggeriscono che gli effetti protettivi del caffè e del tè è improbabile che siano solo gli effetti della caffeina, ma piuttosto, come è stato ipotizzato in precedenza, essi possono comportare una più ampia gamma di componenti chimici presenti in queste bevande, come magnesio, lignani, e acidi clorogenici.

Il caffè ha dimostrato di essere una fonte importante di antiossidanti. Questi composti possono prevenire i danni alle cellule. I risultati potrebbero essere significativi per un futuro in cui si prospetta il raddoppiare dei casi di diabete di tipo 2 nell’arco di 25 anni.

[Fonte: Mnsbc]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>