Diabete: individuata firma genetica

di Marco Mancini 4

L’Università di Catanzaro ha appena pubblicato una scoperta che può imprimere una svolta nella ricerca sul diabete. Pare infatti che ci sia un gene, denominato HMGA1, che a volte presenta una variante. Se ci sono questa alterazioni il paziente ha 16 volte più probabilità di essere affetto da diabete mellito di tipo 2.

La ricerca è stata effettuata su un campione di oltre 8.000 persone, di cui la metà italiane, in cui il 10% dei malati di diabete mostrava questa alterazione. Alcuni campanelli d’allarme della patologia che colpisce 250 milioni di persone in tutto il mondo sono altre malattie più rare, legate a questa variante, come la sindrome di insulino resistenza e acanthosis nigricans di tipo A, il leprecaunismo e la sindrome di Rabson-Mendenhall.

Individuandole per tempo, secondo i ricercatori potrebbe essere possibile avviare qualche terapia per rallentare o proprio bloccare l’insorgere della malattia, e per questo le future ricerche si concentreranno proprio sull’azione insulino-resistente del gene HMGA1.

[Fonte: Agi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>