Influenza A: altri 3 morti in Puglia, 9 in Italia

di Marco Mancini 10

I casi di morti legate all’influenza A salgono in tutta Italia, raggiungendo quota 9. La Puglia è senza dubbio la Regione che sta pagando le conseguenze peggiori di questa epidemia, dato che negli ultimi due giorni sono morte altre 3 persone che portano a 4 il numero totale dei decessi pugliesi.

Dopo l’uomo di Zapponeta morto all’inizio della scorsa settimana, oggi arriva la notizia che altri due pazienti con patologie pregresse sono deceduti, e si sospetta la morte anche di un terzo. I due pazienti morti sicuramente a causa del virus A H1N1 sono un uomo e una donna, entrambi di 62 anni, già con patologie pregresse. La donna di Andria infatti soffriva di problemi cardiaci e mieloma, l’uomo di Foggia invece soffriva di patologie respiratorie. In entrambi i casi i medici sono convinti che il virus abbia aggravato la situazione instabile precedente, non lasciando la possibilità di agire.

Ma si sospetta anche una terza morte in queste ore, quella di un uomo di soli 32 anni affetto da broncopolmonite, il cui coinvolgimento del virus ancora non è accertato. Ma di oggi è anche la notizia del decesso di una donna di 67 anni di Trieste (anche lei già affetta da altre patologie), che porta così il numero dei decessi a 9.

[Fonti: Repubblica; Corriere della Sera]

Commenti (10)

  1. Allora tirando le somme che necessità c’è di vaccinarsi, visto che su un milione e settecentomila affetti dall’influenza sono decedute soltanto 13 persone, delle quali la maggioranza era già moribonda a causa di gravissime patologie?
    Se poi mettiamo in conto le gravi complicanze causate dal vaccino (vi sono parecchie persone che sono rimaste paralizzate e moltissime che sono preda di gravi disturbi neurologici) c’è da chiedersi a chi giova l’allarmante campagna di prevenzione mediante la vaccinazione…
    Abbiamo già dimenticato la “bufala” dell’anno scorso?

  2. se dai un’occhiata al resto del sito, abbiamo sempre messo in dubbio la validità del vaccino sin dall’anno scorso, ed infatti in tutti questi articoli ribadiamo (ma non lo facciamo solo noi) la necessità di vaccinarsi per chi ha patologie pregresse, appunto perché tutti i decessi riguardano chi era già malato.

    Per quanto riguarda le storie di paralisi, io personalmente non sono in grado di affermare se queste siano vere o no. Ti posso dire che io per primo lo scorso anno, quando ancora nessuno o pochissimi in Italia ne parlavano, pubblicai un articolo in cui si discuteva di questa possibilità, ma ti posso assicurare che la stragrande maggioranza dei casi che si sono sentiti successivamente (quelli veri sono molti meno rispetto a quelli che si raccontano), non sono molto attendibili in quanto riguardano persone che erano già malate, e dunque non è certo che il vaccino possa aver scatenato paralisi, sclerosi e tutte le altre malattie che gli vengono associate. In fin dei conti il dubbio resta, per questo noi ci limitiamo a riportare le voci dei protagonisti (come ad esempio il Ministro Fazio), senza però sbilanciarci con opinioni personali.

  3. Alla cortese attenzione di Marco Mancini

    Non riesco più a trovare sulle news di google le notizie (oltremodo recenti) che parlavano di alcuni casi, in italia ed in europa, di paralisi a seguito della vaccinazione antinfluenzale. Ma ricordo benissimo di averle lette.
    Sospetto che “qualcuno” le abbia fatte sparire volutamente.
    Comunque, ricercando come un archeologo, ho trovato qualcosina in proposito:

    http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/176234_gravi_due_pensionate_di_como_per_il_vaccino/

    http://www.onli.it/home_ssol.php?site=1&n=articles&category_id=16&article_id=123403&l=it

    Cordialità.

  4. E’ sparito il mio ultimo commento…

  5. No, c’è di nuovo, chiedo scusa.

  6. E’ proprio sparito!

  7. si hai ragione, il sistema rileva i commenti con i link come spam e li elimina automaticamente. Te l’ho riapprovato, ora dovresti poterlo leggere. Per entrare nel merito, Google News dopo un po’ di tempo elimina le notizie vecchie visto che ne pubblica centinaia ogni giorno, per questo non trovava l’articolo

  8. Grazie Marco.
    Franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>