Le impronte? Non solo per l’identità!

di Redazione 0

Molto presto le impronte digitali allargheranno il loro campo d’azione, servendo a molto più che ad identificare un individuo.
Grazie ad una nuova tecnologia, messa a punto dai ricercatori della Purdue University, sarà possibile identificare tracce di esplosivo, droghe e altri materiali di cui rimane memoria proprio nelle impronte.

Utilizzando un sofisticato meccanismo che impiega uno elettrometro capace di mutare le molecole in ioni e successivamente analizzare la materia sarà possibile separare con facilità anche più impronte sovrapposte, processo che risulta difficile per gli attuali strumenti ottici.
Grazie ad uno speciale software dalla distribuzione e dall’intensità degli ioni selezionati si giungerà a formulare e comporre l’immagine dettagliata dell’impronta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>