Morbo di Parkinson, un pacemaker cerebrale potrà migliorare la qualità della vita

di Marco Mancini Commenta

Si chiama Dbs, in italiano “stimolatore cerebrale profondo”, e proprio come accade per chi soffre di patologie cardiache, potrebbe risolvere non pochi problemi per i malati di morbo di Parkinson. Il Dbs è un vero e proprio pacemaker composto da due microelettrodi impiantati nel cervello che lo stimolano con un impulso elettrico.

Gli elettrodi vengono inseriti in dei fori praticati sul cranio e posizionati nel sub-talamo sinistro e nel sub-talamo destro, ed entrambi fanno riferimento ad una centralina. L’operazione è invasiva e non proprio comodissima, ma permette di ridurre la quantità di farmaci, con conseguente diminuzione di effetti collaterali, e migliorare la qualità della vita del paziente.

Alcune sperimentazioni in Italia sono state avviate, anche se non sono molti i medici che si affidano ad una procedura così complicata, la quale si calcola possa avere un buon effetto per circa 5 anni.

[Fonti: Ansa; Barimia]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>