Carcinoma duttale infiltrante g3, radioterapia o no?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Salve, sono stata operata ottobre 2014, per carcinoma duttale infiltrante scarsamente differenziato grado 3 sec. Elston-Ellis con componente intra duttale di alto grado. Con CDI G3 pT2 pN1 triplo negativo mib 35%. Ho fatto chemioterapia. 4 AC più 12 Taxol. Premetto che il tumore, tolto in quadrectomia misurava cm 3,5. Un mese prima era 1,8 cm. Ora a distanza di otto mesi, ho finito la chemio, e ora mi propongono 25 cicli di radioterapia. Il mio chirurgo dice che non è necessaria. Vorrei essere sicura di fare la miglior cosa per curarmi. Attendo vostra risposta.

carcinoma duttale infiltrante radioterapia

 

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema  carcinoma duttale infiltrante Radioterapia si o no

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

Gentile Signora, per quanto leggo un trattamento radiante adiuvante appare indicato come correttamente suggeriscono i Colleghi radioterapisti. Cari saluti ed un grande in bocca al lupo per tutto. Dott. Carlo Pastore, oncologo.

 

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Carlo Pastore

 

Leggi anche:

Radioterapia, cos’è e quando è possibile farla

Radioterapia: gli effetti collaterali

Carcinoma mammella con metastasi ossee, consulto radioterapia

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock