Chemioterapia e rapporti sessuali, è vero che…

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su chemioterapia e rapporti sessuali
Ho un tumore e da 2 mesi faccio la chemioterapia …ho letto che per tutto il tempo del trattamento il mio compagno durante l’atto sessuale dovrà usare il profilattico perché altrimenti può assimililare i farmaci ….è vero? La ringrazio ….Buonasera

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema chemioterapia e rapporti sessuali

 

 

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

 

 

Gentile Signora,

non vi è nessun problema legato alla trasmissione di principi farmacologici attraverso un contatto intimo. Semmai occorre evitare in questo periodo di assunzione dei farmaci antiblastici il concepimento. Questo perchè i chemioterapici sono per lo più teratogeni.

Un grande in bocca al lupo per tutto

Prof. Carlo Pastore, oncologo.

 

 

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

 

 

Quando riprendere rapporti sessuali dopo la chemioterapia

Chemioterapia e gravidanza, dopo un anno è un rischio …

Chemioterapia, cos’è e quando serve

Chemioterapia: gli effetti collaterali

Effetti collaterali chemioterapia persistono dopo un mese, che fare ?

 

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>