Glioblastoma e cura con fotemustina

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico su Glioblastoma e cura con fotemustina 
“Gentile dr Le scrivo per il mio compagno di 33 anni affetto da glioblastoma talamico destro. È stato operato ad agosto 2016 e sottoposto a radioterapia e chemioterapia secondo protocollo STUPP. Al quinto ciclo di mantenimento con Temodal sono ricomparsi i problemi visivi e di equilibrio. La RMN mostra disseminazione nella zona frontale con comparsa di una nuova lesione e interessamento del tronco, bulbo e midollo spinale. L’oncologo opta per Fotemustina. Cosa ne pensa di questo farmaco per glioma disseminato. Sarebbe indicata anche la radioterapia alla colonna vertebrale? Grazie”.

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Glioblastoma disseminato e cura con fotemustina

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Utente, la fotemustina è un farmaco idoneo per le neoplasie del sistema nervoso centrale (sia primitive che metastatiche). Alternativa potrebbe essere una combinazione di irinotecan e bevacizumab. In aggiunta al trattamento che verrà scelto si potrebbe optare per ipertermia capacitiva profonda a RF , valutazione per ulteriore trattamento radiante, integrazione fitoterapica a scopo proapoptotico ed immunomodulante. Cari saluti Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

 

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina

Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>