Marcatore tumorale CA 125 alto dopo intervento, è normale?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Marcatore tumorale CA 125 alto dopo intervento, è normale?
“Buona sera dottore, mia mamma di 63 anni  il 20 aprile è stata operata per carcinoma endometriale, esito istologico:tipo g3 1b. Carcinoma circoscritto che infiltrava più del 50%. La dottoressa le ha consigliato per precauzione di fare 4 cicli di chemioterapia e 24 di radioterapia. Oggi abbiamo ritirato marcatore CA-125 a 134,10 (deve ancora iniziare la chemioterapia). E’normale che dopo aver tolto utero,ovaie e linfonodi il valore è ancora  alto?La ringrazio anticipatamente cordiali saluti.”

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Marcatore tumorale CA 125 alto dopo intervento, è normale?

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Utente, sarebbe utile conoscere il valore preoperatorio del marcatore al fine di verificare se è in discesa o meno. In linea generale il marcatore tumorale non ha una sensibilità e specificità del 100% ma se non in discesa rispetto al valore iniziale in questo caso prudenzialmente consiglierei un approfondimento radiologico (TC od ancor meglio Pet/tc) prima di intraprendere la chemioterapia adiuvante.

Cari saluti

Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

 

Per altri vostri quesiti compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock