Tumore al polmone: due enzimi sono l’obiettivo di una terapia che ne blocca la crescita

di Marco Mancini 1

Un gruppo di ricerca presso l’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Gothenburg, in Svezia, ha dimostrato in uno studio che due enzimi strettamente correlati potrebbero essere gli obiettivi per il trattamento del cancro del polmone. La scoperta è stata fatta quando i ricercatori hanno bloccato la produzione dei due enzimi nei topi transgenici. Ciò ha determinato l’inibizione della crescita cellulare, un minor numero di tumori e una maggiore sopravvivenza tra i topi.

L’articolo è stato pubblicato sulla rivista Proceedings della National Academy of Sciences (PNAS). Con molti tipi di cancro, la crescita e la diffusione dei tumori è stimolata dalle proteine Ras e Rho. Per funzionare, queste proteine hanno bisogno di essere modificate dagli enzimi strettamente correlati FT e GGT. Un certo numero di aziende farmaceutiche hanno quindi sviluppato sostanze che riducono l’attività di questi due enzimi, con l’obiettivo di inibire la funzione delle proteine Ras e Rho e rallentando così lo sviluppo della malattia.

Tuttavia, il trattamento che prevede diverse sostanze per bloccare questi due enzimi è stato spesso non specifico, e l’efficacia è notevolmente diversa. Questo ha reso difficile per i ricercatori valutare il vero potenziale di questi enzimi come bersagli per i farmaci.

Abbiamo quindi sviluppato delle strategie genetiche nei topi, per spegnere i geni che codificano FT e GGT, che ci permette di verificare se un blocco completo di FT o GGT possa inibire lo sviluppo del cancro del polmone, e se questo ha effetti collaterali nei polmoni

spiega la ricercatrice Anna-Karin Sjögren, che ha condotto lo studio insieme a Liu Meng, entrambi del Dipartimento di Clinica e Medicina Molecolare. Nel loro studio, i ricercatori hanno utilizzato topi transgenici che producono una proteina Ras mutata che causa il cancro ai polmoni. In primo luogo, la produzione di FT o GGT nei polmoni in questi topi è stata fermata spegnendo i geni in questione.

Quando abbiamo spento il gene FT, i topi hanno sviluppato meno tumori al polmone e hanno vissuto più a lungo. A livello cellulare, il blocco di FT ha fatto sì che le cellule tumorali non fossero più in grado di dividersi. Quando abbiamo bloccato la produzione di GGT, abbiamo visto gli stessi effetti: l’inibizione della crescita cellulare, un minor numero di tumori polmonari ed un miglioramento della sopravvivenza.

Negli esperimenti in cui entrambi i geni erano stati spenti allo stesso tempo, il numero dei tumori polmonari era nettamente diminuito e i topi vivevano più a lungo. Ciò significa che l’assenza di questi due enzimi non ha effetti collaterali evidenti nei polmoni, e che le cellule tumorali polmonari sembrano essere più sensibili al trattamento delle cellule polmonari normali.

I nostri risultati mostrano che FT e GGT sono promettenti obiettivi per il trattamento del tumore del polmone. Il passo successivo nella nostra ricerca è capire se il blocco di questi enzimi può avere effetti collaterali in altri tessuti

hanno concluso i ricercatori.

[Fonte: Medical News Today]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>