Tumore prostata, chemioterapia e sopravvivenza, oncologo risponde

di Cinzia Iannaccio 2

Richiesta di Consulto Medico
Salve Dottore, Mio padre ha 60 anni e nel 2008 ha subito un intervento di prostatectomia radicale a seguito di un tumore confinato con Gleason 4+3, successivamente a causa di un rialzo del psa sostiene circa 30 sedute di radioterapia ed il psa si azzera quasi completamente.Nell’ottobre 2013 con psa intorno ad 1,2 inizia una cura ormonale consistente in un’iniezione mensile e fino a luglio 2014 il psa è minore di 0,2 , ma successivamente riprende a salire, e cio’ induce l’oncologo a cambiare piano terapeutico,prescrivendo altri farmici ormonali, ma il psa continua a salire fino a raggiungere l’1,2 nel mese di febbbraio 2015, ed a seguito di PET con colina, ad aprile 2015 risulta una lieve metastasi ad una vertebra prontamente radiata con 5 sedute di radio. Le mie domande sono: lo step successivo all’ormonoterapia è la chemio? Se si , avrei letto che la sopravvivenza media dei pazienti trattati con chemio è di 18 mesi dall’inizio della chemio, conferma o mi sbaglio? E se dovessi sbagliarmi quali sono le aspettative di vita medie per un paziente in queste condizioni? Grazie in anticipo!

tumore prostata chemio sopravvivenza

 

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Tumore Prostata

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

 

 

Gentile Utente,

laddove l’ormonoterapia cede il passo e perde di efficacia per la resistenza acquisita, occorre impostare un trattamento in chemioterapia. Ad oggi esistono diverse opzioni farmacologiche anche su questo versante. Purtroppo debbo confermare che anche alla chemioterapia, se la malattia è in fase diffusiva, si possono creare delle resistenze. Impossibile dire nel singolo paziente quando questo possa avvenire.

Cari saluti

Dott. Carlo Pastore, oncologo

 

Leggi anche:

Tumore prostata con metastasi ossee, nuova cura | MedicinaLive

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Carlo Pastore

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

 

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Photo Credits | designer491 / Shutterstock.com