Fastidio al ginocchio e risonanza magnetica

di Cinzia Iannaccio 2

Richiesta di Consulto Medico
Buongiorno, sono un ex podista di 47 anni, operato con meniscectomia selettiva corno posteriore mediale nel giugno del 2015, effettuate 5 infiltrazioni di gel piastrinico, mi ritrovo ad avere ancora fastidio al ginocchio dx e adesso anche al sx. La rmn effettuata qualche giorno fa ha dato il seguente responso: ginocchio dx In corrispondenza del corno posteriore del menisco mediale si osserva una disomogeneità di segnale compatibile con fenomeni meniscosici; analogo reperto, di lieve entità, a carico delle restanti porzioni meniscali. Menisco mediale moderatamente ridotto d’altezza. Menisco laterale con una disomogenità di segnale compatibile con fenomeni meniscosici di moderata entità. ……..

…….LCA con una minima disomogeneità di segnale di verosimile significato degenerativo nel terzo distale. Sostanzialmente nella norma il LCP e i complessi legamentosi collaterali. Ai gradi di flessione dell’esame la rotula appare sostanzialmente in asse ; a carico delle contrapposte superfici articolari femoro-rotulee si osserva una moderata disomogeneità di segnale, di tipo degenerativo, compatibile con moderati fenomeni condropatici di maggiore rilievo a livello del versante mediale del capo articolare rotuleo. Allo stato attuale nel cavo articolare si osserva una moderata quota fluida disposta prevalentemente a livello dei recessi para e sovrarotulei.

 

Lieve disomogeneità di segnale di tipo degenerativo a carico del tratto distale inserzionale del tendine del quadricipite. RM GINOCCHIO SN~ In corrispondenza del corno posteriore di entarmbe le strutture meniscali si osserva una moderata disomogeneità di segnale di tipo degenerativo, da riferire verosimilmente a fenomeni meniscosici di lieve entità. Sostanzialmente nella norma i legamenti del pivot centrale e i complessi legamentosi collaterali. Ai gradi di flessione dell’esame, la rotula appare sostanzialmente in asse. A carico delle contrapposte superfici articolari femoro-rotulee, si osserva una disomogeneità di segnale di tipo degenerativo, come per fenomeni condropatici di moderata entità. Allo stato attuale nel cavo articolare si osserva una lieve quota fluida. In corrispondenza dell’estremità distale del femore evidenza di un’areola ipointensa compatibile con una piccola isola di compatta ossea. Se possibile vorrei farmi spiegare tale esame, perchè continuo ad avere fastidi e quale attività sportiva praticare. Ho saputo che ci sono degli interventi, “ONE STEP” per trapiano di staminali nelle ginocchia. In quale centro si effettua a Roma o vicinanze, se viene passato SSN e se risolve il problema della condropatia. Grazie

 

 

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema fastidio al ginocchio e risonanza magnetica
Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

 

 

 

Egr.Sig.,valutando i referti di RMN le rispondo che stiamo parlando di problematiche di lieve entità legate sia all’invecchiamento che al tipo di sport svolto.Le infiltrazioni di gel piastrinico vanno più che bene. Le posso consigliare per attivare maggiormente il gel piastrinico (mi auguro suo e non farmacologico…..) di fare un ciclo (tre/quattro sedute) di Onde d’urto. Saluti F.Bizzarri

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

Dolore al ginocchio

Dolore al ginocchio dopo palestra

Dolore al ginocchio ed esito RMN, quali cause?

Piede piatto collegato al dolore al ginocchio

 

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie: Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Photo Credits | gang Liu / Shutterstock.com

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>