L’aspirina riduce il rischio di contrarre il cancro al colon nelle persone che hanno una predisposizione genetica

di Paola 0

Il cancro al colon è uno dei tumori più diffusi al mondo, diagnosticato nei soli Stati Uniti in più di 130.000 nuovi pazienti ogni anno. Nella maggior parte dei casi, la probabilità di contrarlo è di circa il 6%, ma il rischio è anche maggiore per le persone con sindromi ereditarie. Le persone che hanno ereditato una di queste sindromi hanno un rischio estremamente elevato per lo sviluppo di cancro del colon, dal 90 al 100%.

Tuttavia, i ricercatori europei affermano che le persone con le sindromi più comuni, come ad esempio la sindrome di Lynch, potrebbero ridurre significativamente le loro possibilità di sviluppare il cancro del colon prendendo dosi giornaliere del farmaco più comune ed economico al mondo: l’aspirina.

I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver seguito 1.071 persone con la sindrome di Lynch, che rappresenta circa il 5% dei casi di cancro del colon. Per circa quattro anni, alla metà dei partecipanti sono state somministrate dosi giornaliere di 600 milligrammi di aspirina, mentre l’altra metà ha ricevuto un placebo. Dopo 29 mesi non è stata mostrata alcuna differenza nei tassi di cancro al colon, ma dopo quattro anni sono state rilevate differenze significative.

Fino ad oggi, ci sono stati solo 6 tumori del colon nel gruppo curato con l’aspirina rispetto ai 16 che hanno preso il placebo. C’è anche una riduzione del carcinoma endometriale

ha spiegato John Burn dell’Istituto di genetica umana all’Università di Newcastle in Gran Bretagna, che ha condotto lo studio. Un precedente studio dei ricercatori della Harvard Medical School ha rilevato che l’uso regolare di aspirina può ridurre il rischio di mortalità di cancro al colon di oltre la metà inibendo l’enzima COX-2, che promuove l’infiammazione e la divisione cellulare e si trova in alti livelli nei tumori. Tale studio ha dimostrato che le persone che sono risultate positive alla COX-2 hanno tratto maggiori vantaggi derivanti dall’uso di aspirina rispetto a quelli senza l’enzima.

Burn ha un’altra spiegazione. Secondo lui l’aspirina prende come obiettivo le cellule staminali difettose, e le distrugge prima che si trasformino in cellule pre-cancerose. Ma altri non sono convinti della teoria di Burn. Nonostante lo scetticismo, Burn ammette che il team è “felice” dei risultati dello studio,

tanto più perché abbiamo smesso di dare l’aspirina dopo quattro anni, ma l’effetto è continuato.

Studi precedenti potrebbero non essere stati abbastanza duraturi per provare i benefici dell’aspirina, che è uno dei motivi per cui è stato scoperto che le persone con la sindrome di Lynch hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro più rapidamente.

[Fonte: Healthnews]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>